F1 2014, Test Bahrain 2a giornata: Magnussen stacca tutti, Ferrari e Alonso ok [FOTO e VIDEO]

Kevin Magnussen strappa il miglior tempo nella seconda giornata di test in Bahrain, dove la Formula 1 si prepara all'avvio di campionato tra meno di un mese

da , il

    Ha detto qualcosa di diverso dal solito la seconda giornata di test in Bahrain, dove le F1 si stanno allenando per non mancare l’appuntamento inaugurale in Australia. Ha detto, ad esempio, che in Red Bull le modifiche alla RB10 al momento consentono almeno di inanellare un po’ di giri e capire come va la monoposto; ha confermato la risoluzione di almeno una parte dei problemi che avevano afflitto i motori Renault a Jerez, tanto da trovarsi una Toro Rosso particolarmente attiva al mattino.

    Poi ci sono le conferme, quelle dei motorizzati Mercedes: se non è Hamilton o Rosberg a portare il V6 tedesco in cima alla lista dei tempi, ci pensa Magnussen con la McLaren, e anche Hulkenberg ha saputo mettersi in mostra. Da non tralasciare il bel ritmo espresso anche dalla Williams. E in Ferrari? Lavoro sotterraneo, con tanti rilevamenti aerodinamici al mattino, un giro veloce e l’abbozzo di stint più lunghi: la F14 T non dà problemi e lo sviluppo va avanti. In particolare l’attenzione è sembrata concentrarsi sul diffusore, con la specifica “tradizionale” già impiegata a Jerez, riproposta anche oggi. Vedremo se Raikkonen monterà la variante con canale centrale a V o se verrà deliberato questo step. Guarda anche:

    CLASSIFICA TEMPI TEST F1 BAHRAIN – 2a giornata

    1. Magnussen -McLaren- 1:34.910 (45 giri)

    2. Hulkenberg -Force India- 1:36.445 +1.535 (59 giri)

    3. Alonso -Ferrari- 1:36.516 +1.606 (96 giri)

    4. Rosberg -Mercedes- 1:36.965 +2.055 (84 giri)

    5. Bottas -Williams- 1.37.328 +2.418 (115 giri)

    6. Kobayashi -Caterham- 1:39.855 +4.945 (65 giri)

    7. Vettel -Red Bull- 1:40.340 +5.430 (58 giri)

    8. Vergne -Toro Rosso- 1:40.609 +5.699 (58 giri)

    9. Gutierrez -Sauber- 1:40.717 +5.807 (55 giri)

    10. Grosjean -Lotus- 1:41.670 +6.760 (18 giri)

    11. Chilton -Marussia- 1:42.511 +7.601 (17 giri)

    diretta a cura di: @fabianopolimeni

    14:58 – Non smette di stupire Kobayashi, che scavalca addirittura Vettel! E questa è notizia, perché lo scorso anno una Caterham davanti a una Red Bull non era immaginabile nemmeno se in assetto da qualifica la prima e con il pieno di benzina la seconda. Chiaramente, exploit per far parlare di sé quello dei verdi inglesi. Complimenti a loro

    Due notizie in conclusione di queste 8 ore di test: il grandissimo Kobayashi riesce a scavalcare la Marussia di Chilton di quasi mezzo secondo; poi, un dettaglio sulla Ferrari e probabilmente non è l’unica a curare questo aspetto: al rientro della monoposto, i ventilatori vengono posizionati immediatamente sui freni posteriori, di ridotte dimensioni quest’anno e con il sistema brake-by-wire

    14:38 – Alonso non ci sta a un “podio” tutto Mercedes e porta la F14 T in terza posizione, seppur con 2″ da Magnussen che, tuttavia, non fa testo per il tempo marcato in assetto da qualifica o giù di lì, con gomme supermorbide

    14:29 – Dopo una decina di giri di long run, Hulkenberg è sul ritmo di 1’41″; insieme a lui ci sono Rosberg su 1’38″ e Bottas che conferma di poter agevolmente stare sul 1’39″, come già visto nelle precedenti tornate. La Williams è prossima a quota 100 giri complessivi in questa giornata

    14:20 – Formula 1 2014 lenta? Ditelo a Magnussen: 1’34″910, ovvero a soli 2 secondi e messo dalla pole 2013. Siamo ancora alla seconda sessione di test e con gomme più dure, tutto lascia sperare per il meglio, ovvero, una F1 che resta tale e porta tanto beneficio alla ricerca sulle batterie e il recupero dell’energia per le auto di serie del futuro prossimo. Con buona pace di Ecclestone.

    Dopo un giro lento da 1’58″ Magnussen ha fatto 1’35″4, comunque gran tempo rispetto a quanto visto finora. Il crono è stato ottenuto con gomme supersoft, mai impiegate in questi due giorni

    Contagiri alle 14:15

    Hulkenberg 45

    Rosberg 58

    Bottas 93

    Alonso 85

    Magnussen 23

    Vettel 49

    Vergne 57

    Gutierrez 55

    Grosjean 18

    Chilton 14

    Kobayashi 45

    14:06 – Magnussen ci tiene a ritagliarsi il suo spazio e stampa il miglior giro finora della due giorni di test in Bahrain: 1’35″489. In precedenza Hulkenberg aveva usato gomme morbide, vedremo di scoprire quali sono quelle del danese

    13:49 - Torna a farsi vedere la McLaren, poco attiva oggi, ma indubbiamente veloce, tant’è che Magnussen al primo giro lanciato fa 1’37″0 che gli vale la terza posizione. In Marussia, invece, hanno problemi con la pompa del carburante e confidano di risolvere in tempo il problema per poter girare ancora più tardi.

    Scendono i tempi e andiamo sui riferimenti di ieri, Hulkenberg e Rosberg sono i primi a scendere sotto l’1’37″, con la Force India addirittura a 1’36″4. Bottas, invece, è impegnato in un long run

    13:32 - Si riparte per gli ultimi 90 minuti di prove, Hulkenberg il primo ad approfittarne

    13:16 – Altra bandiera rossa, questa volta è Gutierrez a restare fermo

    Contagiri alle 13:08

    Hulkenberg 35

    Rosberg 46

    Bottas 59

    Alonso 67

    Magnussen 11

    Vettel 42

    Vergne 54

    Gutierrez 48

    Grosjean 15

    Chilton 14

    Kobayashi 31

    13:02 - Riprendiamo la cronaca dei test da Sakhir, dove nel periodo non collegati si sono succeduti in testa alla classifica prima Bottas, poi Rosberg. Ma è ancora la Force India di Hulkenberg e stampare il tempo: 1’37″211, ancora lontano 4 decimi dal riferimento marcato ieri.

    Alcune considerazioni di chi è a bordo pista riportano vetture molto complicate da guidare e impegnative per i piloti.

    Tra gli stint più lunghi è interessante dire del passo importante della Williams, che con Bottas sta tra 1’39″ e 1’41″. Un po’ meglio Rosberg, tra 39″ alto e 40″, mentre Alonso ha girato sul 1’43″.

    11:03 - Ripartono i test, pitlane aperta e insieme a Kobayashi scende in pista Alonso, probabilmente per una simulazione gara.

    10:47 – Bandiera rossa, stavolta è Vergne a fermarsi dopo 53 giri

    10:46 - Prosegue lo stint della FW36 con tempi molto interessanti, da 1’39″. Siamo sul piede di Hamilton ieri, ma con l’incognita enorme di quanto carburante abbia a bordo: difficilmente farà i 20 giri in sequenza della Mercedes, considerando anche il miglior tempo personale.

    Bottas porta la Williams in seconda posizione, dopo una giornata negativa ieri. Per il finlandese c’è 1’37″882.

    10:33 - Si torna in pista, o almeno lo fanno Bottas, Vergne e Gutierrez

    In attesa che riprendano le prove, arriva l’annuncio della Williams: la nuova livrea (quella Martini, aggiungiamo noi) verrà svelata il 6 marzo

    10:17 – Bandiera rossa. Ancora Rosberg fermo in pista, come a inizio sessione

    10:12 - Vettel scende a 1’40″540. Giornata “positiva” finora per la Red Bull. Certo, c’è tanto da recuperare. Dalla McLaren comunicano la pausa pranzo di Magnussen, un po’ scarno il bottino per lui: 8 giri appena

    10:00 - E’ rientrata ai box la Toro Rosso. Attualmente c’è Gutierrez su uno stint lungo e tempi sul piede dell’1’41″, simile Rosberg

    9:55 - Vergne al momento è l’unico in pista e ha raggiunto quota 46 giri. Procede a rilento il lavoro in Lotus, impegnati a sistemare alcuni dettagli; quanto a

    9:40 - Tra i piloti impegnati in pista, Vergne è il più rapido e gira sul piede dell’1’41″, poi Grosjean e Bottas sul 44″ e Alonso a 47″

    9:31 - Anche sulla Mercedes arriva il monkey seat tra i due supporti dell’ala posteriore: a Jerez non era presente

    alettone mercedes test bahrain monkey seat

    9:18 - Non conclude il giro veloce Alonso, dopo due intertempi record. Vettel, invece, ritocca fino a 1’41″850, seguito da 1’41″3. Il tedesco continua ed è al quarto giro in sequenza, sul piede del 1’42″.

    Contagiri alle 9:15

    Vergne (Toro Rosso) 32

    Gutierrez (Sauber) 20

    Rosberg (Mercedes) 18

    Alonso (Ferrari) 14

    Bottas (Williams) 12

    Hulkenberg (Force India) 11

    Chilton (Marussia) 10

    Magnussen (McLaren) 8

    Vettel (Red Bull) 4

    Kobayashi (Caterham) 2

    Grosjean (Lotus) 1

    9:14 – Kobayashi e la Caterham sono bloccati ai box da problemi con la telemetria. Quanto alla Red Bull, sono 45 minuti che non si vede Vettel in pista. Infine, dalla McLaren, parla Eric Boullier e a Sky Sport Uk dice di Magnussen: «Credo stia facendo davvero un buon lavoro. Puoi vedere che è consistente, veloce sul giro secco e, per la sua poca esperienza in Formula 1, sta ancora imparando».

    9:06 - Alonso sta usando la specifica di diffusore con bordo superiore interamente piatto, non quella con la parte centrale a V, vista brevemente a Jerez. Inoltre sono stati installati dei sensori per rilevare i flussi proprio dietro i canali esterni dell’estrattore, sul lato destro.

    TEST PRE CAMPIONATO F1/2014 BAHRAIN 19 22/02/14

    Mentre Rosberg continua il suo long run (è al 17mo giro), in Sauber sfoggiano un monkey seat sulla C33 di Sutil. Da notare come siano profilate le paratie laterali e il posizionamento arretrato rispetto al supporto dell’ala, seppur nella stessa zona del 2013, ma allora con la beam wing a sostenere l’alettone

    sauber c33 test bahrain monkey seat

    8:55 - Hulkenberg va secondo, Gutierrez registra il primo tempo cronometrato e Grosjean porta la Lotus E22 in pista per la prima volta stamane

    8:46 - Chi sembra girare già su un long run interessante è Rosberg. Il tedesco è al 10mo giro e finora si mantiene tra l’1’41″ e 1’42″. La temperatura sull’asfalto è di 32° C, ricordiamo ieri si sono toccati i 37° C.

    8:40 – Alonso dà il buongiorno ai tifosi ferraristi con il miglior tempo, già 1’37″857, ritoccato di un decimo due passaggi più tardi.

    Bene la Toro Rosso, Vergne è già a quota 25 giri.

    8:34 - Vettel fa tre giri e rientra, ottenendo un 1’43″3 che lo pone quinto. Imbarazzante che al rientro in pitlane ci fossero i meccanici con gli estintori in mano.

    17 giri all’attivo per la Toro Rosso, che prosegue da sola in pista. Bottas inizia il lavoro in Williams e ottiene subito 1’39″2, mentre Rosberg torna in pista dopo lo stop iniziale

    8:11 - Magnussen è il primo a scendere sotto l’1’40″; Vergne migliora e continua a girare senza difficoltà al momento

    Sul funzionamento del brake-by-wire, Sutil, ieri finito in testacoda con la Sauber, spiega come: «Non puoi cambiare molto la tua guida, devi affidarti agli ingegneri e sistemare i diagrammi d’uso. Abbiamo bisogno di tutte le mappe: per bagnato, asciutto, gomme dure, morbide, è qualcosa di nuovo per tutti. Adesso dobbiamo affidarci molto di più agli ingegneri»

    8:07 – Anche Magnussen ottiene un tempo cronometrato (ancora alto, sul 1’48″), andando ad aggiungersi a Vergne e Chilton

    7:59 - Installation lap per Vettel, adesso manca solo la Lotus

    Dieci giri per lo stint di Vergne e poi rientra ai box. Quanto alla Red Bull, è trascorsa quasi un’ora e niente di fatto per la RB10, ferma ai box. Ieri sono servite 5 ore per vederla in pista: 13 giri e lo stop, con molta probabilità causato da un malfunzionamento al brake-by-wire.

    Parlando della Ferrari, è interessante sentire Simone Resta dire che nella prossima sessione di test, sempre in Bahrain, si vedrà il pacchetto di evoluzioni da validare per la prima gara in Australia. Test in Bahrain che verranno replicati dal 27 febbraio al 2 marzo

    7:42 - Cinque giri consecutivi per Vergne, che abbassa il tempo a 1’42″, riferimento ieri di Vettel. Problemi risolti almeno in Toro Rosso?

    7:38 – Parlando di tecnica, sono insistenti le voci secondo cui i motori V6 sarebbero molto più potenti di quanto inizialmente prospettato. Il 28 febbraio scade il termine per l’omologazione, tuttavia, dall’Inghilterra voci ben informate dicono si parli di qualcosa come 850 cavalli, di cui 700 dall’unità termica.

    Vergne stampa il primo tempo su Toro Rosso, siamo a 1’45″. Ricordiamo ieri il migliore è stato 1’36″880

    7:29 – Riapre la pitlane dopo più di 20 minuti e sono in tanti, Alonso compreso, a fiondarsi in pista per l’installation lap

    7:23 - Una breve nota sulle gomme impiegate in questi test a Sakhir: la gamma Pirelli a disposizione dei team spazia tra le morbide (gialle) e le invernali (senza banda colorata), passando per le medie (bianche, di cui un set sperimentale) e le dure (arancio). Ieri il tempo di Hulkenberg è stato ottenuto con gomme morbide.

    7:15 - La Mercedes è tornata ai box, pronti a ripartire. Intanto, nella fiera dell’ovvio, Renault e Lotus ufficializzano la fornitura dei motori V6 per il 2014 e gli anni futuri: sai che novità…

    Tornando ai problemi riscontrati da Rosberg, giusto ieri Hamilton ci teneva a sottolineare come a dispetto dei tantissimi chilometri percorsi, anche in Mercedes c’erano alcune cose da sistemare.

    Come ieri, anche stamane subito bandiera rossa già nel corso degli installation laps: Gutierrez e Rosberg erano i due in pista. Con non poca sorpresa, Rosberg è il pilota rimasto fermo!

    7:00 – Bottas rileva Massa. Subito fuori dai box per l’installation lap la Toro Rosso, non perdono tempo

    6:58 - A Sakhir il sole è già alto e regala 30° C sull’asfalto; la novità rispetto a ieri è il vento, meno forte.

    Tra i cambi di casacca all’interno delle monoposto, assisteremo al passaggio Hamilton-Rosberg, Frijns-Kobayashi, Kvyat-Vergne e quello Sutil-Gutierrez, in attesa di scoprire chi girerà per Williams e Marussia

    Ferrari, test F1 2014 in Bahrain