F1, a Monaco vince Vettel: miracolato o miracoloso?

Formula 1 2011: Sebastian Vettel commenta la vittoria nel GP di Monaco cercando di capire se è stato bravo o fortunato nel battere la Ferarri di Alonso e la McLaren di Button

da , il

    F1, a Monaco vince Vettel: miracolato o miracoloso?

    Domanda cruciale per capire il Gran Premio di Monaco di F1 edizione 2011. Sebastian Vettel è stato miracoloso per come ha percorso oltre cinquanta giri con lo stesso set di gomme ed ha ottenuto la vittoria oppure è stato miracolato da Ferrari e McLaren che, a conti fatti, potevano migliorare la loro strategia e spedirlo dietro a Fernando Alonso e Jenson Button?

    VETTEL. Miracolato o miracoloso? A questa domanda non sa rispondere con precisione Sebastian Vettel:“La corsa di oggi è stata bella anche dall’interno della macchina. Ho avuto un buon primo stint ed ho preso un vantaggio ma poi abbiamo avuto problemi al cambio gomme e Button mi è passato davanti ottenendo un certo divario con le supersoft. Abbiamo deciso quindi di restare più a lungo con le gomme soft ed è entrata la safety car quando lui ha montato nuovamente le gomme supersoft. Fernando è stato più intelligente perché, invece, ha scelto gomme soft. Noi abbiamo a quel punto deciso di proseguire perché era l’unica occasione per vincere. Sono stati 20 giri duri. Poi per fortuna è arrivata la bandiera rossa. Altrimenti credo che gli ultimi 6 giri sarebbero stati veramente difficili. E’ stata una gara pazza come spesso capita qui. E’ un onore mettere il mio nome tra quelli dei vincitori”. Al di là della vittoria, la soddisfazione è doppia in casa Red Bull con Vettel che prende un margine decisamente importante in classifica mondiale.

    ALONSO. La mossa di montare gomme soft al secondo pit stop ha consentito alla Ferrari di superare Button. Col senno di poi, si può dire che nel duello con Vettel, invece, avrebbe fatto meglio a montare gomme supersoft al primo pit stop. “Non si sa mai quello che può succedere. Io volevo provare a superare Vettel perché i miei erano messi meglio – ha spiegato Alonso – Purtroppo gli ultimi giri che stavo aspettando per portare l’attacco non sono mai arrivati. Quando si tenta un sorpasso qui c’è sempre molto rischio. Al 50% si rischia di avere dei danni”.

    BUTTON. Anche Button poteva fare meglio. Lui, invece, doveva scegliere gomme soft al secondo cambio gomme. “Abbiamo optato per le tre soste in quanto stavo faticando con il primo stint. Poi la safety car ci ha complicato i piani. E’ deludente per me e per la squadra perché pensavamo di vincere. Mi consola solo sapere che abbiamo dato un bello spettacolo per il pubblico a casa”.