F1, Ferrari: Alonso perfetto e fantastico

Formula 1: Stefano Domenicali parla della Ferrari che vedremo in Corea e spiega di credere ancora nel secondo posto in classifica di Fernando Alonso

da , il

    F1, Ferrari: Alonso perfetto e fantastico

    Il team principal della Ferrari, Stefano Domenicali, guarda al prossimo Gran Premio di Corea con grande ottimismo. Ha almeno tre buone ragioni per farlo. La prima si chiama Fernando Alonso. Il Gran Premio del Giappone disputato domenica scorsa dal pilota spagnolo viene definito semplicemente “perfetto e fantastico” lasciando ben intendere quale sia l’altissimo standard di prestazione che il due volte iridato può garantire. La seconda ragione è la crescita prestazionale della 150° Italia, nonostante piccoli interventi effettuati su un progetto ormai abbandonato. La terza è la tipologia di pneumatici portati dalla Pirelli, quelli più morbidi, i più favorevoli per le Rosse.

    FERRARI. La Ferrari si è data tre obiettivi a partire dallo scorso GP del Giappone e fino a fine stagione: chiudere con Alonso al secondo posto in classifica piloti; vincere almeno un Gran Premio; accumulare esperienza su nuove componenti della monoposto che saranno utilizzate dal 2012. “Penso che in termini di prestazioni, la gara in Giappone sia andata molto bene. Abbiamo lottato ma questo secondo posto ha dimostrato che siamo davvero competitivi – ha osservato Domenicali - Il nuovo approccio, diciamo più aggressivo, è quello giusto, quello che dobbiamo avere, non solo per la Corea, ma per tutti i successivi appuntamenti del campionato. I nostri obiettivi rimangono gli stessi: per incrementare il punteggio, dobbiamo concentrarci sul portare a casa un’altra vittoria, ove possibile e lottare per far ottenere a Fernando Alonso il secondo posto nel Campionato Piloti.

    F1 2012. Gli obiettivi residui per il 2011, pur se unicamente simbolici, servono anche a tenere alta la concentrazione della squadra che sta lavorando con la testa già al prossimo anno:“La curva di apprendimento che abbiamo affrontato quest’anno sull’effetto aerodinamico dei gas di scarico e sul comportamento dei nuovi pneumatici, è qualcosa che i nostri ingegneri devono assicurarsi di aver compreso appieno, in modo da ottenere il massimo dalla prossima stagione – ha aggiunto il capo della scuderia di Maranello - Con questo in mente, per il fine settimana coreano, cercheremo di testare alcune nuove componenti che ci aiuteranno a sviluppare una migliore comprensione della vettura del 2012″.