F1, Ferrari: nel 2011 Massa al pari di Alonso

Formula 1: nel 2011 la Ferrari metterà di nuovo Fernando Alonso e Felipe Massa sullo stesso piano

da , il

    F1, Ferrari: nel 2011 Massa al pari di Alonso

    Alonso e Massa ripartiranno alla pari nel 2011. Arrivati al GP del Brasile c’è un dirigente Ferrari che fa una promessa al driver di San Paolo. Sbaglio o la storia è sempre la stessa? Stefano Domenicali dichiara pubblicamente che nel 2011 saranno di nuovo azzerate le gerarchie in quel di Maranello e Felipe Massa potrà provare a battere Fernando Alonso. Il punto è che se quasi nessuno crede a questa affermazione, perché mai dovrebbe convincersene il brasiliano? Qualcuno mi dirà che nel 2008 il pilotino è riuscito a ribaltare le gerarchie obbligando Raikkonen a fargli da scudiero. Ma Alonso non è Raikkonen. Non solo per questioni di “manico”.

    FERNANDO ALONSO. Fernando Alonso non è Kimi Raikkonen. Lo ripeto. Ed aggiungo: non solo per questioni di manico. Forse a livello di velocità assoluta i due possono persino equivalersi. Ma lo spagnolo ha tante carte in più nel suo mazzo. Si va dall’essere un vero leader, un trascinatore. Si arriva allo sponsor Santander che sicuramente spinge affinché sia lui l’uomo di punta del team Ferrari. Nel mezzo ci stanno tante altre sfumature come la capacità di leggere la gara, di essere un freddo calcolatore e di far volgere la fortuna a proprio favore. Questi elementi fanno pendere la bilancia dalla parte del latinissimo asso di Oviedo anziché da quella del per niente loquace uomo di ghiaccio venuto dal profondo nord. Per trovare, quindi, un’annata nella quale si è avuto un sovvertimento delle gerarchie in casa Ferrari a fronte di un pilota superleader del team ed un altro ormai messo in secondo piano non si deve guardare al 2008 (quando Massa fece meglio di Raikkonen). Bensì, semmai, al 1999 quando l’incidente di Silverstone mise fuori gioco Michael Schumacher e lanciò Eddie Irvine. Ecco: l’ho detta tutta. Massa deve sperare in un infortunio di Alonso per vincere il titolo mondiale. Se resta in Ferrari.

    FELIPE MASSA. La verità di cui sopra non è di mia invenzione. Non ne detengo i diritti semplicemente perché è ciò che i più pensano. Perché mai, allora, la Ferrari continua a vendere balle a Felipe Massa? Per una pura questione di immagine. Ovviamente. “Posso assicurarvi che Felipe ripartirà da zero, nel 2011, ma sa sempre che la cosa più importante è la Ferrari”, ha dichiarato Stefano Domenicali in un intervista ad un giornale brasiliano. “Noi abbiamo completa fiducia in Felipe, e vogliamo che ritorni ad essere un buon combattente per la squadra e un grande pilota – ha aggiunto il team principal Ferrari - Penso che quando ti accorgi di non aver fatto una stagione perfetta, è il momento di guardare dentro se stessi e reagire. Non penso che le prestazioni di quest’anno siano legate solamente alle gomme. Abbiamo provato a mettere insieme tutti i pezzi del puzzle e provato a capire perché Massa non ha avuto la miglior stagione possibile”, ha concluso l’imolese con parole che, a voler leggere tra le righe, possono persino suonare come un ultimatum.