F1, Ferrari: si vince il mondiale!

Formula 1: il team principal della Ferrari Stefano Domenicali racconta l'attuale momento vissuto dal team italiano che si appresta ad affrontare la seconda metà della stagione con la convinzione di poter rimontare e vincere il mondiale

da , il

    Dal team principal della Ferrari arriva una botta d’entusiasmo a pochi giorni dal Gran Premio di Germania. Intervistato da La Stampa, Stefano Domenicali fa il punto della situazione e spiega che le possibilità di raddrizzare la stagione ci sono ancora tutte. La macchina è tra le migliori. I piloti non si discutono. E dopo la sfiga delle ultime uscite, è credibile che anche la sorte cambi atteggiamento. “Non sono soddisfatto della squadra, perché abbiamo reso al di sotto del nostro potenziale. Però non può andare sempre così, è una questione statistica”, dice…

    STEFANO DOMENICALI. “Non sono uno che cerca scuse, ma quello che è successo nelle ultime tre gare…”, esordisce così Stefano Domenicali nella sua ultima intervista prima di partire per la Germania. Si trova a Maranello assieme ai suoi piloti che si allenano al simulatore. “Domenica in Germania comincia il girone di ritorno. Mi aspetto una reazione forte – spiega l’imolese - Prima di fare calcoli dobbiamo portare a casa podi e vittorie. C’è in palio una marea di punti”, aggiunge ribadendo il motto del momento in Ferrari:“chi non ci crede, cambi mestiere”.

    GESTIONE SPORTIVA. Domenicali ha ribadito di non credere alla teoria del complotto. Si tratta solo di episodi e coincidenze sfortunate. Lo stesso dicasi per gli errori commessi dal muretto sui quali il numero 1 del Cavallino Rampante è intransigente:“Io sono il primo ad ammettere gli errori e quest’anno in pista ne ho contati due: nelle qualifiche in Malesia, quando siamo rimasti ai box mentre pioveva. E a Valencia, richiamando Massa ai box assieme a Fernando”. Poi lancia una nuova proposta per evitare situazioni analoghe a quella vissuta dalla Ferrari a Silverstone:“Se i commissari di gara non intervengono entro 3-4 curve, un giro al massimo, la manovra si ritiene corretta”.

    FERRARI. Secondo il responsabile del team italiano, la Ferrari sta vivendo una fase particolare della propria storia:”Bisogna accettare la logica dei cicli. Per vincere si passa attraverso periodi di rinnovamento. Dopo un periodo fantastico cui ho preso parte, sono cambiate regole fondamentali: prima era tutto illimitato, dalle spese ai test, mentre ora si ragiona in termini di budget e di simulazione”, ha ricordato.