F1, Giappone: Ferrari rinata, Alonso ritrova la fiducia

Formula 1: la Ferrari esce con ottimismo dal Gran Premio del Giappone 2011

da , il

    F1, Giappone: Ferrari rinata, Alonso ritrova la fiducia

    Fernando Alonso e la Ferrari, al termine del Gran Premio del Giappone di F1 2011, hanno due priorità. La prima è fare i complimenti a Sebastian Vettel e la Red Bull per la grande vittoria del campionato. Un successo indiscutibile ed incontestabile. La seconda riguarda il progresso in competitività che non sembra solo frutto del caso o della pista di Suzuka. C’è stata qualche piccolissima novità tecnica che ha dato i risultati sperati consentendo alla monoposto di migliorare nella gestione degli pneumatici Pirelli, noto tallone d’Achille della 150° Italia.

    FERNANDO ALONSO:“Innanzitutto complimenti a Sebastian Vettel. Merita questo titolo perché è stato sempre molto bravo ed ha guidato senza errori. Loro meritano di essere campioni - ha ammesso il pilota Ferrari - Oggi c’era un grande degrado degli pneumatici e abbiamo sempre scelto il momento giusto per cambiare. Questo podio è una grande motivazione per il resto dell’anno. Abbiamo ritrovato competitività e se facciamo tutto giusto, possiamo toglierci altre soddisfazioni”. Secondo Alonso, la stagione 2011 è stata per certi versi migliore di quella ben più vincente del 2010:“Siamo migliorati rispetto allo scorso anno. Meglio nelle partenza, nei pit stop, belle strategie, nell’affidabilità. Ci è mancata la macchina più competitiva ma ci siamo lavorando per il prossimo anno. Ora restano quattro gare dove possiamo puntare, se non alla vittoria, almeno al podio. Non siamo a livello di McLaren e Red Bull sul giro secco ma in gara entrano in gioco altre variabili come il degrado degli pneumatici. Noi possiamo andare avanti a testa alta”.

    FERRARI – STEFANO DOMENICALI:“Innanzitutto complimenti a Sebastian Vettel che ha vinto il mondiale meritandoselo e ritengo giusto riconoscere i suoi meriti. Quello che è successo con Hamilton (contatto con Felipe Massa che è costato il danneggiamento dell’ala anteriore del brasiliano, ndr) è abbastanza chiaro ma non voglio commentare i singoli episodi. E’ importante quello che è successo in gara dove abbiamo dimostrato una bella consistenza. I distacchi sono stati molto corti e siamo stati molti competitivi”.

    FERRARI – ANDREA STELLA:“Le gomme hanno funzionato bene tutto il weekend. E’ significativo che il miglior giro delle gomme medie è stato il primo. Credo dipenda dalle caratteristiche della pista e dell’asfalto. Credo che ci sia una ragione tecnica. E sappiamo che in queste condizioni la nostra auto reagisce meglio. Inoltre, per questa pista avevamo una piccola modifica che ci ha permesso di migliorare nel bilanciamento e ciò ci ha leggermente aiutato. In gara è il degrado delle gomme che domina la performance per cui se riesci a gestirlo hai un grosso vantaggio indipendentemente dall’efficienza aerodinamica”.