F1 GP Silverstone 2012, prove libere 3: Alonso vola sull’asciutto

da , il

    F1 GP Silverstone 2012, prove libere 3: Alonso vola sull’asciutto

    AP/LaPresse

    Fernando Alonso ha ottenuto il miglior tempo nell’ultima sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna 2012 a Silverstone. Alle spalle dello spagnolo, Button, Grosjean, Vettel e Raikkonen. E’ stato un turno di libere “graziato” dalla pioggia, che però è attesa copiosa prima delle qualifiche che, quindi, dovrebbero svolgersi in condizioni diverse da quelle sperimentate stamane nell’ora di prove.

    Cronaca prove libere 3 – GP Gran Bretagna – Silverstone

    La grande notizia del sabato a Silverstone è che non piove. Asfalto asciutto per l’ultima sessione di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna 2012, con 60 minuti a disposizione per mettere a punto le monoposto.

    Tanto traffico al semaforo verde, con tutti i piloti in pista a recuperare il tempo perso ieri. Temperature ancora basse, con 17° C sull’asfalto e 16 nell’aria.

    Il miglior tempo dopo 5 minuti è stato realizzato da Schumacher (1’34″517), davanti a Grosjean. Un turno di libere che è servito anche per valutare le modifiche tecniche apportate su molte monoposto: l’ala anteriore in Ferrari – provata solo da Alonso, mentre Massa ha girato con la vecchia -, gli scarichi su Caterham e Marussia. A causa della pioggia che non ha lasciato tregua nel venerdì del GP a Silverstone, non si son potute testare le gomme sperimentali dure della Pirelli, che le riproporrà in Germania.

    Mercedes apparse in forma, con Rosberg autore del giro più veloce (1’33″733) davanti a Schumacher, prima che Button si inserisse tra i due, a 45 minuti dal termine. Va segnalata la velocità massima delle due Mercedes in fondo all’Hangar straight, con 310 km/h: sono le più veloci insieme alle Lotus e alle McLaren. Alonso, per avere un metro di paragone, ha fatto segnare 303. Escursione senza conseguenze per Paul Di Resta, che ha accusato anche problemi al Kers.

    La Ferrari è sembrata ben bilanciata nella sequenza delle Becketts, Maggots e Chapel, che ha consentito ad Alonso di marcare il terzo tempo a 40 minuti dalla bandiera a scacchi: per lo spagnolo 1’33″821 con gomme dure. In palla anche Hamilton, agevolmente in testa con 1’33″084 e con gomme dure, ma va considerata la pista in progressivo e costante miglioramento, con sempre più aderenza passaggio dopo passaggio. In ottica qualifiche, il miglioramento della pista – se dovesse restare asciutta – sarà un elemento in più da considerare.

    Problemi al motore per la Marussia di Pic, che si è fermato in pista a 37 minuti dal termine, causando anche la bandiera rossa per la posizione pericolosa in cui si è fermata la monoposto: in uscita dalla Copse.

    La situazione al restart vedeva Hamilton (1’33″084) davanti ad Alonso (+0.522), Rosberg (+0.649), Button (+0.718), Vettel (+0.720), Maldonado (+0.804), Schumacher (+1.103), Perez (+1461), Kobayashi (+1.535) e Webber (+1.571).

    Condizioni stabili a 31 minuti dalla conclusione, quando è stata riaperta la pista, con l’asfalto che si è mantenuto asciutto e un pallido sole a illuminare alcune zone del tracciato. Grazie al record nel primo settore (28.6) Button ha strappato il miglior tempo a Hamilton, realizzando 1’32″851 con le gomme morbide. Ma Lewis ha replicato immediatamente, montando le morbide e migliorando di 123 millesimi. Record nel primo settore, mentre il secondo appartiene a Grosjean (37.9). A conferma della bontà della Lotus nel tratto veloce della pista, con la Copse e la sequenza delle Maggotts, anche Raikkonen si posiziona al vertice nel secondo settore. Lotus da tenere d’occhio, perché Grosjean ha realizzato il secondo tempo con le gomme dure.

    Alonso ha scalato la classifica, ottenendo il primo tempo (1’32″167) con gomme morbide nuove, davanti a Grosjean, Hamilton, Button e Perez a poco più di 15 minuti dal termine delle prove libere. Spingendosi alla ricerca del limite, Alonso si è intraversato sul rettilineo di partenza, dopo aver toccato l’erba bagnata oltre il cordolo con la posteriore sinistra.

    Guardando alle qualifiche e alla gara, le previsioni danno pioggia per domenica: se la qualifica dovesse mantenersi asciutta si potrebbero avere delle sorprese legate alla scelta di qualche team che potrebbe azzardare un assetto più sbilanciato verso l’asciutto che non sul bagnato.

    Da segnalare modifiche alle barre di torsione sulle Red Bull: all’anteriore per Vettel, al posteriore sulla monoposto di Webber. Negli ultimi minuti, Sergio Perez ha distrutto l’ala della Sauber in un fuorispista. Problemi anche per Rosberg, che ha concluso in anticipo le prove: problemi idraulici hanno richiesto la rimozione del fondo piatto.

    Nonostante le gomme morbide, Sebastian Vettel non è riuscito a fare meglio del quarto tempo, a oltre 2 decimi da Alonso, mentre Button ha scavalcato Grosjean alle spalle del pilota Ferrari.

    Classifica prove libere 3 – GP Gran Bretagna 2012 – Silverstone

    1. ALONSO -Ferrari -1:32.167 -21 GIRI

    2. BUTTON -McLaren -1:32.320 -20

    3. GROSJEAN -Lotus -1:32.358 -25

    4. VETTEL -Red Bull -1:32.420 -21

    5. RAIKKONEN -Lotus -1:32.454 -25

    6. HAMILTON -McLaren -1:32.477 -20

    7. MALDONADO -Williams -1:32.622 -21

    8. PEREZ -Sauber -1:32.940 -19

    9. KOBAYASHI -Sauber -1:33.046 -20

    10. HULKENBERG -Force India -1:33.150 -19

    11. SENNA -Williams -1:33.267 -25

    12. DI RESTA -Force India -1:33.367 -20

    13. WEBBER -Red Bull -1:33.398 -24

    14. SCHUMACHER -Mercedes -1:33.462 -24

    15. VERGNE -Toro Rosso -1:33.673 -22

    16. MASSA -Ferrari -1:33.674 -21

    17. RICCIARDO -Toro Rosso -1:33.707 -21

    18. ROSBERG -Mercedes -1:33.733 -15

    19. KOVALAINEN -Caterham -1:34.298 -18

    20. PETROV -Caterham -1:34.781 -20

    21. GLOCK -Marussia -1:36.605 -18

    22. PIC -Marussia -1:37.060 -14

    23. KARTHIKEYAN -HRT -1:37.269 -23

    24. DE LA ROSA -HRT -1:37.429 -17