F1 GP Stiria, Prove libere 2: Verstappen in testa, Ferrari a rincorrere. Penalizzato Norris, Ricciardo a muro

L'olandese chiude davanti a tutti precedendo Bottas e Perez. Incidente per Ricciardo che finisce contro le barriere

da , il

    Max Verstappen durante le prove libere del GP Stiria

    Dopo una prima sessione di prove libere nella quale la Racing Point era riuscita a mettersi tutti alle spalle grazie a Sergio Perez, nella seconda è stato Max Verstappen a prendersi la scena portando la sua Red Bull al comando. L’olandese, infatti, ha chiuso con il miglior tempo precedendo Valtteri Bottas, vincitore della prima gara dell’anno con la Mercedes, e la sorpresa di giornata Sergio Perez, ancora più che positivo con la sua Racing Point. Più lontane, invece, le Ferrari che non hanno provato il tempo limitandosi a testare le novità portate in pista per il weekend.

    Leggi anche: F1 GP Stiria, il resoconto della prima sessione di prove libere

    La palma del migliore di giornata, quindi, finisce nelle mani di Max Verstappen che chiude il suo miglior giro in 1:03.660, appena 43 millesimi meglio di Valtteri Bottas con la sua Mercedes. Terzo tempo, invece, per la Racing Point di Perez che si candida a un piazzamento a podio per la gara di domenica, anche se le condizioni meteo diverse da quelle attuali potrebbero scombinare la griglia di partenza. Indietro il campione del mondo in carica Lewis Hamilton, solo 6° a fine sessione e lontano quasi 7 decimi dal leader. Ancora più staccate le due Ferrari con Leclerc 9° dietro anche ad Albon e Norris, ma c’è da dire che il giovane monegasco non ha provato il tempo mentre relegato nelle retrovie è Sebastian Vettel, addirittura 16° a quasi 2 secondi da Verstappen

    Ricciardo contro le barriere, penalizzazione retroattiva per Norris

    Durante la seconda sessione di prove libere, inoltre, c’è stato anche un momento di apprensione quando la Renault di Daniel Ricciardo è finita violentemente contro le barriere. Il pilota australiano, infatti, ha perso il controllo della sua monoposto picchiando contro le barriere, danni ingenti per la vettura, ma nulla di preoccupante per il pilota, uscito con le proprie gambe seppur leggermente frastornato. Penalità retroattiva, invece, per Lando Norris che poco prima della partenza della seconda sessione di prove libere si è visto penalizzare per un sorpasso in regime di bandiera gialla e verrà retrocesso di 3 posizioni sulla griglia di partenza.