F1 GP Ungheria, Prove libere 1: ancora le Mercedes in testa, le Ferrari rincorrono

Le due Frecce nere comandano ancora mentre Racing Point, ormai non più una sorpresa, è subito dietro. Sesto tempo per Vettel, 7° Leclerc

da , il

    Lewis Hamilton alle prove libere del GP Ungheria

    Non c’è due senza tre per la Formula 1 che, all’Hungaroring, scende in pista per la terza settimana consecutiva. Un tour de force che costringe le scuderie agli straordinari e i piloti a ritmi forsennati: gli unici a non risentire minimamente dello sforzo, però, sembrano essere i due della Mercedes, capaci anche nella prima sessione di prove libere del GP d’Ungheria, di mettersi a guidare il gruppo ribadendo, qualora ce ne fosse bisogno, di essere loro il team da battere.

    Leggi anche: orari e programmazione tv, come seguire il weekend ungherese

    Hamilton leader, Ferrari in lenta crescita

    A guidare il gruppo c’è, ancora una volta, una vettura di Brackley e in questo è caso è quella di Lewis Hamilton, capace di chiudere il suo miglior giro in 1:16.003, appena 86 millesimi meglio del compagno di squadra Valtteri Bottas. Alle loro spalle, poi, le due Racing Point – finite nell’occhio del ciclone per la “somiglianza” con la Mercedes 2019 – che si confermano ancora una volta la sorpresa di questo inizio stagione con Sergio Perez a prendersi il 3° posto e Lance Stroll al 4°. In crescita, ma ancora costrette a rincorrere, le due Ferrari: Sebastian Vettel, infatti, chiude con il 6° tempo mentre Cahrles Leclerc, costretto a una prestazione super per farsi perdonare l’errore nel GP di Stiria, in settima posizione. A precederle la Renault di Daniel Ricciardo.

    Leggi anche: Hamilton padrone assoluto, le statistiche del GP d’Ungheria

    A chiudere la top ten, invece, ecco la Red Bull di Max Verstappen, uno dei sicuri protagonisti in gara, la McLaren di Lando Norris e l’altra Renault di Esteban Ocon che porta la vettura di Enstone al 10° posto permettendo ad entrambe le monoposto di entrare nei primi dieci.