F1, Hamilton: battere Schumacher non ha valore

Formula 1: anche Lewis Hamilton entra nel dibattito sulle prestazioni di Michael Schumacher e si dice deluso del fatto che non sia più forte come prima

da , il

    F1, Hamilton: battere Schumacher non ha valore

    Hamilton contro Schumacher: che duello! I due si sono effettivamente scontrati in pista. Peccato che quest’anno Schumacher abbia avuto una Mercedes non all’altezza della McLaren. Peccato che Schumacher non sia più quello di prima. A dirlo stavolta non è l’opinionista di turno ma lo stesso Lewis Hamilton. Il campione del mondo 2008, uno dei più entusiasti alla vigilia della stagione 2010 pensando alla possibilità di potersi sfidare in pista con il Kaiser, ha ammesso di essere rimasto deluso dalle sue scarse prestazioni. “Adesso non c’è nessun valore nel batterlo”, ha detto.

    LEWIS HAMILTON. Il suo sogno sarebbe stato quello di duellare alla pari, punto su punto, ruota contro ruota, gara dopo gara, contro sua maestà Michael Schumacher. La leggenda:“Lui è uno dei più grandi in questo sport, una leggenda. Sarà grande poter competere con lui. La mia carriera è iniziata quando lui ha smesso, non importa se vinco o perdo. Il fatto di poter guidare insieme a Schumacher è qualcosa che porterò con me per tutta la vita”, ha dichiarato sin da quando nei primi mesi dell’anno il fenomeno di Kerpen ha iniziato l’avventura con il team Mercedes. Oggi, però, qualcosa è cambiato e Lewis Hamilton, parlando da sportivo prima che da rivale in pista, non nasconde la delusione per l’occasione mancata:“All’inizio ero molto entusiasta del suo ritorno, ma adesso non è più lo stesso perché lui è sempre nelle retrovie. Adesso non c’è nessun valore nel batterlo”. Il più bel duello tra i due si è avuto durante il GP della Cina (vedi video). Lì Schumacher ha tirato fuori la sua classe, difendendosi alla grande su una pista che consente facili sorpassi e guidando una monoposto in grave crisi di gomme.

    EDDIE IRVINE. Nei giorni scorsi qualcuno aveva invocato il suo nome. Ecco puntuale l’uscita dell’irlandese con tanto di ennesima piccola rivincita nei confronti di Schumacher. Quello Schumacher che lo ha stra-bastonato ai tempi della Ferrari e che forse nel 1999 non ha voluto – anziché potuto – fargli vincere il titolo mondiale… Parlando alla Gazzetta, Irvine ha descritto in modo catastrofico il ritorno del sette volte iridato:“Sulla carta il suo ritorno non era una cattiva idea ma lui aveva già perso qualcosa nel 2006 quando Felipe Massa gli è spesso stato davanti. Tre anni dopo ha perso ancora di più. Il risultato? Un disastro!”.