F1 in Brasile: Ferrari, motore Ko per Alonso

Formula 1: prima giornata del GP del Brasile piuttosto nervosa in casa Ferrari per va di alcuni problemi tecnici sulle vetture

da , il

    F1 in Brasile: Ferrari, motore Ko per Alonso

    I motori Ferrari non sono più indistruttibili. Dopo il pessimo avvio di stagione, si credeva che le vetture di Fernando Alonso e Felipe Massa avessero fatto una sorta di patto col diavolo che le aveva rese immuni da problemi tecnici. Nella prima giornata di prove libere sul circuito di Interlagos la F10 del brasiliano ha accusato un guasto alla frizione mentre quella dello spagnolo in lizza per la vittoria del campionato mondiale ha visto il proprio motore andare KO. Ad onor del vero, va detto che l’unità era arrivata pressoché alla fine del proprio ciclo vitale.

    FERRARI. La Ferrari c’è. Almeno sul fronte delle prestazioni, la Rossa di Maranello è subito dietro le solite velocissime Red Bull. Non male se si considera che normalmente in qualifica e soprattutto in gara Fernando Alonso riesce a ridurre ulterormente il gap. Lo spagnolo ha lavorato provando vari carichi di benzina ed entrambe le mescole. Brutta tegola per Felipe Massa, invece, che è stato costretto al ritiro quando mancavano venticinque minuti al termine della seconda sessione causa problema alla frizione. Nonostante ciò, il brasiliano ha conservato la quinta posizione nella classifica dei tempi. L’inconveniente captato a Massa durante le prove del pomeriggio fa il pari con quello registrato al motore di Fernando Alonso in mattinata. Dal box italiano, però, si dicono tranquilli dato che quell’unità era già sulla via del “pensionamento”.

    GP BRASILE F1. “I rapporti di forze in campo sembrano essere quelli che hanno caratterizzato quest’ultima parte della stagione, con la Red Bull che ha certamente qualcosa in più, soprattutto sul primo giro – ha detto Stefano DomenicaliPeraltro, è prevista pioggia quindi la sessione di qualifica sarà ancora più difficile e conteranno anche altri fattori oltre alla pura competitività del mezzo e alla prestazione del pilota”, ha aggiunto il team principal Ferrari soddisfatto delle novità introdotte sulla F10 a livello aerodinamico. “Abbiamo visto che sulla lunga distanza la macchina si comporta molto bene ma sappiamo quanto conta in ottica gara il piazzamento sulla griglia di partenza.”, ha concluso Domenicali.