F1 in Corea: Ferrari a caccia di Red Bull

da , il

    F1 in Corea: Ferrari a caccia di Red Bull

    Recupera la Ferrari con Fernando Alonso nella prima giornata di prove libere nel weekend del gran premio di Corea. Il pilota spagnolo, che nelle libere 1 della mattinata si era perso oltre la top ten, ha chiuso il venerdì alle spalle di Mark Webber, facendo segnare il secondo miglior tempo. E migliora anche il compagno di squadra Felipe Massa, che sale dal dodicesimo al sesto posto, piazzandosi davanti alla Red Bull di Sebastian Vettel. Sul circuito di Yeongam, Alonso tenterà il tutto e per tutto per raggiungere il rivale australiano e leader in classifica Mark Webber e per guadagnare vantaggio sul compagno di squadra di quest’ultimo, secondo in classifica anch’egli con 106 punti.STEFANO DOMENICALI. Il team principal della Ferrari è soddisfatto della prima giornata di prove libere ma il circuito di Yeongam, seppur promosso, rimane ancora un’incognita. “Le condizioni del tracciato oggi erano uniche: la superficie era sporca e il livello di grip dell’asfalto cambiava continuamente ad ogni giro. Per questo i risultati di oggi vanno presi con le pinze. Quello che è certo è che le qualifiche saranno impegnative… difficile inoltre prevedere come andrà la gara, specialmente per il fatto che potrebbe piovere”.

    FERNANDO ALONSO. Il circuito di Yeongam piace al pilota della Ferrari. E ora che lo spagnolo ha tutta la squadra concentrata su di lui e che pure Felipe Massa, dopo le scaramucce di metà stagione, si è eletto a fedele scudiero per la corsa verso il titolo iridato, Alonso non vuole deludere nessuno, specialmente ora che è riuscito a insidiarsi in mezzo al duo della Red Bull. “Si guida bene su questo tracciato”, ha dichiarato l’asturiano. “Ci sono tre settori l’uno diverso dall’altro: il primo richiede un’altissima velocità di punta, nel secondo ci sono diverse curve veloci e nel terzo il ritmo rallenta. Per questo sarà interessante vedere quale sarà il set up scelto dai vari team per le qualifiche e la gara. La parte che preferisco è quella compresa tra la curva quattro e la sei, con diversi rettifili e la possibilità di sorpassare: mi ricorda il tratto finale dell’Istanbul Park”. Responso positivo dunque per il ferrarista, che per ora lamenta solo la rapida copertura delle gomme, particolare comunque messo in conto dal momento che l’ultima colata di asfalto coreano è stata stesa solamente due settimane fa. “Non mi preoccuperei comunque di questo aspetto, visto che la situazione è la stessa per tutti e da qui a domenica sarà migliorata. La Red Bull come sempre si è mostrata veloce, ma anche la McLaren non scherza: credo che Hamilton sia tra i favoriti per vincere questo gran premio”. Secondo Alonso comunque lo scenario coreano è diverso rispetto all’ultima gara in Giappone, dove gli austriaci erano nettamente in vantaggio: a Yeongam, sia lo spagnolo che i colleghi di Woking potrebbero riservare delle sorprese.

    FELIPE MASSA. E il circuito di Yeongam è un mix di diversi tracciati che piace anche al brasiliano della Ferrari, sesto miglior tempo nella prima giornata di prove libere. “In alcuni punti ricorda i circuiti tradizionali, in altri quelli cittadini”, ha spiegato Massa. “La curva 11 è complicata, perché ci sono praticamente due angoli racchiusi in uno soltanto e subito dopo un cambio di direzione: ho faticato un po’ per trovare il set-up ideale, specialmente per far lavorare le gomme nel modo giusto dal momento che si deteriorano velocemente. Nel complesso però direi che siamo competitivi”. Nelle libere1 Massa è sceso in pista sprovvisto dell’ala soffiata posteriore, “ma chiaramente su questo circuito ce n’è bisogno”, ha dichiarato il ferrarista. “Ti conferisce un buon margine sui rettilinei. Ho avuto anche quale problema di sovrasterzo, ma penso sia normale in queste condizioni: ci sono molti punti in cui poter migliorare la macchina ma l’aspetto positivo è che il circuito non è poi così lontano dalla prova al simulatore fatta a Maranello”.