F1, Leclerc cauto per il GP della Stiria: “Ripetere il 2° posto sarà difficile”

Il monegasco: 'Daremo tutto per provare a replicare il risultato della gara scorsa'. Chiamato al riscatto Vettel: 'Per me è l’occasione di fare meglio rispetto a domenica scorsa'

da , il

    Charles Leclerc in Australia

    La Ferrari, dopo il 2° posto ottenuto da Charles Leclerc nella gara inaugurale in Austria, torna sullo stesso tracciato per cercare di replicare, e magari migliorare, il risultato ottenuto dalla scuderia italiana nella prima prova del mondiale di Formula 1 2020.

    Leclerc mette le mani avanti

    Tra i grandi protagonisti della prima gara c’è stato senza dubbio Charles Leclerc, autore di una grande rimonta conclusa alle spalle del vincitore, Valtteri Bottas. Il monegasco ha dimostrato, ancora una volta, di avere – pur non supportato al momento da una macchina da titolo – la stoffa del campione. Lo stesso pilota, però, mette le mani avanti sottolineando come replicare quel risultato sarà molto complicato: “Indubbiamente è molto strano disputare due gare di fila sulla stessa pista. Sarà un’esperienza particolare: di solito arrivi su un circuito con i dati dell’anno scorso e utilizzi il venerdì per cercare di capire come si comporterà la tua vettura. In questo caso, invece, a meno che non ci siano condizioni di bagnato, avremo già moltissime informazioni su come la nostra SF1000 si comporterà. La prima delle due gare qui a Spielberg è stata molto speciale, è stata molto divertente e, non senza un po’ di fortuna, siamo riusciti a salire sul podio. Replicare quel risultato non sarà facile, ma di sicuro noi daremo tutto quello che abbiamo per provarci. Abbiamo visto che essere motivati ci aiuta a tirare fuori tutto il potenziale dalla vettura e da noi stessi, dunque affronteremo anche questo secondo appuntamento con lo stesso identico approccio” ha dichiarato il monegasco al sito ufficiale della Ferrari.

    Leggi anche: GP d’Austria, il resoconto della prima gara

    Vettel chiamato al riscatto

    Chi, invece, è chiamato al riscatto è senza dubbio Sebastian Vettel. Il tedesco, che saluterà la scuderia alla fine di questa stagione, deve dimostrare che l’errore nella prima gara, costato il testacoda e che lha portato il quattro volte campione del mondo a chiudere solo 10°, è stato solo frutto del caso. “In questa stagione così particolare, iniziata nel cuore dell’estate, ci troviamo di fronte a un’altra anomalia, il fatto di disputare due gare sulla stessa pista, nell’ambito della medesima stagione e ad appena una settimana di distanza. Per me è l’occasione di fare meglio rispetto a domenica scorsa. Avremo molti più dati relativi alla vettura sui quali lavorare e credo che l’esperienza della prima corsa potrà tornarci utile. Come ho sempre detto, questa è una pista che mi piace molto perché, pur essendo molto breve, è ricca di belle curve e sorge in una cornice splendida come quella delle montagne austriache” ha concluso il tedesco.

    Leggi anche: Top&Flop del GP d’Austria