F1, McLaren non correrà il GP d’Australia: un dipendente è positivo al coronavirus

Un dipendente della scuderia inglese è risultato positivo al test sul Covid-19: per questo motivo la Mclaren ha deciso di non prendere parte all'evento

da , il

    mclaren

    L’emergenza coronavirus irrompe nel mondo della Formula 1: la McLaren, infatti, ha reso noto che non prenderà parte alla gara di Melbourne in quanto un suo dipendente è risultato positivo al test sul Covid-19.

    Mclaren non correrà il GP d’Australia

    A renderlo noto è stata la stessa scuderia inglese che, in un comunicato apparso sulla pagina Twitter del team, spiega la decisione di non scendere in pista nel GP d’Australia. “La persona in questione – ha comunicato il team – stata isolata il prima possibile, non appena ha mostrato i primi sintomi” si legge. “Il CEO Zak Brown ed il team principal Andreas Seidl hanno informato la Formula 1 e la FIA della loro decisione questa sera. La decisione è stata presa non solo per prendersi cura dei dipendenti e dei partner della McLaren, ma anche dei team concorrenti, dei tifosi e degli azionisti della Formula 1″ conclude la nota del team.

    Carlos Sainz e Lando Norris, quindi, non scenderanno in pista in Australia costringendo l’intera Formula 1 a porsi interrogativi importanti sulla volontà o meno di disputare la gara di Melbourne.