F1, Montezemolo: regole 2011 sono da marziani

Formula 1 2011: il presidente della Ferrari Luca di Montezemolo parla al motor show di Ginevra

da , il

    F1, Montezemolo: regole 2011 sono da marziani

    Luca di Montezemolo torna a parlare di Formula 1. Lo fa al motor show di Ginevra e prende di nuovo di mira il regolamento 2011. Secondo il presidente della Ferrari le nuove norme non hanno nulla a che vedere con la versa Formula 1. Per usare la sua espressione, sono regole da “marziani”. Il capo del Cavallino Rampante si è detto particolarmente contrario all’introduzione dell’ala mobile posteriore e si è lamentato dei troppi pulsanti apparsi sul volante delle monoposto.

    MONTEZEMOLO. Già i piloti Alonso e Massa avevano espresso perplessità. Dello stesso avviso era stato Stefano Domenicali. In merito all’utilizzo dell’ala mobile posteriore moltissimi addetti ai lavori hanno storto la bocca. Al coro degli scontenti si aggiunge anche Luca di Montezemolo che, come suo solito, usa un’espressione piuttosto colorita per esprimere le proprie idee:“Le nuove regole non hanno nulla a che fare con la F1, sono da marziani!″. Il presidente Ferrari ha poi ribadito la sua contrarietà al divieto di effettuare test durante la stagione.

    FERRARI F1. Mentre il presidente era a Ginevra, Felipe Massa e Stefano Domenicali sono volati in Arabia Saudita per l’inaugurazione del Circuito Internazionale di Reem, vicino Riyadh. “E’ sempre bello andare in un posto nuovo e mi dispiace non essermi potuto trattenere di più – ha commentato Felipe Massa dopo aver girato sul tracciato con una Ferrari F430 – La pista è molto interessante e divertente: spero di avere l’opportunità di guidare ancora qui”. L’occasione è stata colta al volo per realizzare alcuni eventi legati allo sponsor Philip Morris ed alla promozione del marchio Ferrari. “C’è bisogno di strutture ed eventi come questi per far crescere l’automobilismo sportivo in Paesi dove la tradizione è ancora molto recente – ha dichiarato Stefano DomenicaliPer la Ferrari il Medio Oriente è un mercato molto importane cui guardiamo con molta attenzione.”