F1 News: è morta Maria Teresa De Filippis, prima donna pilota

Formula 1: è morta la prima donna pilota della storia. Maria Teresa De Filippis se n'è andata a 89 anni. Aveva debuttato nel 1958 nel GP di Monaco

da , il

    Si è spenta all’età di 89 anni Maria Teresa De Filippis. E’ stata la prima donna della storia della Formula 1. Una delle uniche cinque rappresentanti del gentil sesso, assieme a Lella Lombardi, Divina Galica, Desiré Wilson e Giovanna Amati, a cimentarsi nell’impresa di correre almeno un Gran Premio. Molte di più hanno preso parte a dei test ma solo loro sono state piloti ufficiali.

    Maria Teresa De Filippis prima donna pilota in F1

    Donne in Formula 1

    Al volante di una Maserati 250F privata, Maria Teresa De Filippis ha debuttato nel GP di Monaco del 1958 – gara inaugurale di quella stagione – non riuscendo però a qualificarsi. Quella volta fu in buona compagnia dato che a mancare l’accesso alla gara fu anche un certo Bernie Ecclestone che, va ricordato, ha provato anche a fare il pilota… Meglio è andata alla De Filippis nel GP del Belgio dove ha chiuso al decimo posto a due giri dal vincitore Tony Brooks. Sempre nel 1958 ha preso parte anche al GP del Portogallo e quello d’Italia ma non ha visto la bandiera a scacchi per problemi al motore. Nel 1959 ha fallito nuovamente la qualificazione al GP di Monaco con la Porsche del team Behra. Come detto, il suo nome è associato a quello di altre 4 ardite donne da F1 come Giovanna Amati, Divina Galica, Desiré Wilson e Lella Lombardi. Quest’ultima, stroncata da una lunga malattia nel 1992 a soli 49 anni, è stata l’unica a concludere una gara in zona punti con il sesto posto nel GP di Spagna del 1975.

    Fotogallery: donne in F1

    L’ultima donna ad aver provato a correre un Gran Premio di Formula 1 è Susie Stoddard, meglio nota come Susie Wolff. La moglie del ricco team principal della Mercedes nonché azionista Williams, è andata molto vicino all’impresa riuscendo a raggiungere il ruolo di terza guida per la scuderia di Sir Frank. Tuttavia i piani del team di Grove sono cambiati e, non trovando spazio, ha preferito ritirarsi dalle competizioni anziché tornare a gareggiare in altre categorie come il DTM. La Wolff ha comunque deciso di restare nell’ambito del motorsport:“Ho appeso il casco al chiodo ed ho capito che dovevo darmi da fare - ha spiegato ad Autosport – ho contattato Rob Jones della MotorSports Association ed abbiamo dato vita ad un’iniziativa mirata a dare più opportunità alle ragazze che vogliono debuttare nel mondo delle corse. Saprete maggiori dettagli nelle prossime settimane”.