F1 News, Ecclestone: “Ferrari al lavoro per uscire dalla F1″

Ecclestone rivela che Sergio Marchionne sta lavorando per far uscire la Ferrari dalla Formula 1 nel 2021 come risposta all'atteggiamento sbagliato di Liberty Media

da , il

    F1 News, Ecclestone: “Ferrari al lavoro per uscire dalla F1″

    Sergio Marchionne non è contento della Formula 1 che Liberty Media sta costruendo. Gli eredi che hanno rinnegato gli oltre trent’anni di lavoro di Bernie Ecclestone, hanno già subito le minacce di un ritiro della Ferrari dal Circus qualora non sia ascoltata anche la voce del presidente di Maranello ma hanno fatto orecchie da mercante. In ballo c’è la discussione dei nuovi regolamenti che entreranno in vigore dal 2021. Per quella data, la Ferrari potrebbe aver addirittura realizzato una categoria alternativa sfruttando la collaborazione con lo stesso Ecclestone e beneficiando del supporto anche dei rivali amici della Mercedes. Se Marchionne vuole averla vinta, però, deve muoversi in fretta.

    Guarda anche:

    Ecclestone: “Minaccia Marchionne è pericolo reale”

    “Non esiste Formula 1 senza Ferrari”, ha tuonato Bernie Ecclestone che, lo ricordiamo, ricopre ancora il ruolo onorario di presidente della F1 pur avendo preso malissimo questa carica poiché puramente simbolica. Lui è un uomo del fare e, nonostante gli 87 anni sulle spalle, vorrebbe ancora avere voce in capitolo.

    Prima di rimbambirsi spalleggia Marchionne nella sua crociata contro Liberty Media:“Se credono che la Ferrari bluffi, stanno giocando con il fuoco. La Formula è la Ferrari e la Ferrari è la Formula 1. Non avrebbe senso vedere una Formula 1 senza Ferrari ma Sergio mi ha parlato che sta pensando ad una nuova serie e se decide di lasciare, se ne andrà davvero. E’ uno che va preso sul serio. C’è bisogno che la FIA faccia qualcosa che lui ritiene giusto o che porti benefici alla Ferrari”.

    Liberty Media complotta contro i top team?

    Marchionne dice sul serio ma, come anticipato, deve fare presto. Liberty Media sta lavorando sodo per creare una Formula 1 che stia in piedi con o senza la Ferrari. E’ lo stile americano: tutti importanti, nessuno indispensabile.

    Volete un esempio di questo concetto? Eccolo: stanno spingendo molto sulla personalizzazione della sfida, sul fattore umano, sul pilota come vero protagonista. Il motivo è semplice: gestire mediaticamente un pilota che arriva, spadroneggia e se ne va è molto più semplice che ragionare con una scuderia con 70 anni di storia alle spalle e molti più nel proprio futuro.

    Seguendo l’atteggiamento di Liberty Media, tra qualche anno avremo un sacco di giovani tifosi di Formula 1 che supporteranno i piloti a discapito dei team i quali, oltretutto, perderanno appeal dato che metteranno in pista auto tecnicamente poco valide e sostanzialmente tutte uguali. C’è da capirlo, quindi, Marchionne.

    Ecclestone provoca Liberty Media

    Ecclestone ce l’ha con Liberty Media e sposa le ragioni della Ferrari soprattutto poiché non accetta di essere stato estromesso dai centri decisionali. La sua è una ripicca. Lo dimostra anche l’ultimissima provocazione lacianta al suo successore Chase Carey:“Se avessero le palle dovrebbero pensare a fare una Formula del tutto nuova come una super Formula elettrica con monoposto identiche a quelle di adesso. Questo significa guardare al futuro”, ha sparato in una intervista al The Guardian.