F1 news, Mick Schumacher: “Il mio obiettivo resta quello di gareggiare in F1″

Il figlio di Michael Schumacher continua a sognare di arrivare in Formula 1. Il 18enne tedesco ha gareggiato nella F3 europea nel 2017.

da , il

    F1 news, Mick Schumacher: “Il mio obiettivo resta quello di gareggiare in F1″

    Mick Schumacher continua a sognare l’approdo in Formula 1. Il giovane tedesco, figlio di Michael, ha appena concluso la sua prima stagione nella Formula 3 Europea. La sua annata, a bordo di una Prema motorizzata Mercedes, non è stata troppo esaltante e si è conclusa col 12° posto finale nella classifica piloti. Il suo miglior risultato è arrivato a Monza col terzo posto nel GP d’Italia.

    Molti addetti ai lavori stanno iniziando a fare paragoni tra lui e suo padre, oltre a quelli con altri “ragazzi terribili” come Max Verstappen o Lance Stroll. Mick Schumacher è intenzionato a percorrere la sua strada e senza forzare i tempi per approdare in Formula 1.

    Guarda anche:

    Il mio sogno è quello di gareggiare in Formula 1 e sto lavorando per riuscirci – ha spiegato Mick Schumacher al termine della stagione di F3 europea – Il mio obiettivo più grande resta quello di approdare nel massimo campionato, ma non bisogna aver fretta e bisogna fare un passo alla volta. Quest’anno mi sono focalizzato solo su me stesso e sulla mia crescita, senza pensare alla classifica o ai rivali. Credo che ho tanto da imparare e crescere in tante aree. Quando mi sentirò pronto, proverò a conquistare un sedile di Formula 1“.

    Mick Schumacher, classe 1999, non vuole aver fretta col rischio di “bruciarsi”: “Sono dell’idea che ogni pilota ha bisogno dei suoi tempi e delle sue opportunità – ha proseguito il giovane tedesco – io resto focalizzato sul raggiungimento del mio obiettivo, ossia quello di guidare in F1, però senza fretta. Arrivarci ed essere impreparati, non ha senso. Voglio raggiungere la F1 quando sarò pronto. Non mi interessa se altri giovani piloti come Lance Stroll e Max Verstappen sono già in Formula 1, io voglio arrivarci facendo un passo alla volta“.