F1: qualifiche al capolinea?

Avevamo già trattato l’argomento

da , il

    F1: qualifiche al capolinea?

    Avevamo già trattato l’argomento. Soprattutto avevamo sottolineato come molti apprezzassero lo spettacolo offerto dalle nuove qualifiche ma – al tempo stesso – contestassero alcune pieghe del regolamento. Ad uscire allo scoperto ora sono anche i piloti che, con Schumacher e Coulthard in testa, vorrebbero introdurre qualche cambiamento.

    Ma è proprio da buttare questo format?

    I punti da chiarire sono due.

    Punto primo. Vogliamo che parta in pole position il più veloce sul giro secco?

    Allora dobbiamo sacrificare lo spettacolo. Per evitare sorprese tipo il caso Fisichella-Villeneuve andrebbero annullate le tre sessioni e reintrodotte le qualifiche old-stile. A quel punto andrebbe indiscutibilmente al palo il pilota più veloce, però, torneremo a vedere le vetture in pista solo negli ultimi venti minuti sul totale di un ora a disposizione. E sai che noia…

    Punto secondo. Vogliamo, invece, lo spettacolo?

    Bene. Però non dobbiamo lamentarci se le qualifiche sono ingiuste. Non possiamo storcere il naso se qualche big resta tagliato fuori perché, a ben vedere, è proprio quel rischio che rende appassionanti anche le prime due fasi ad eliminazione. E non possiamo fare un dramma se, dei venti minuti finali, ne passiamo più della metà a vedere vetture che girano senza segnare tempi interessanti. E’ il male minore.

    La proposta che il sindacato dei piloti vorrebbe fare cerca di salvare capra e cavoli: lasciare tutto com’è ma far girare a serbatoi scarichi anche nella terza sessione.

    Bell’idea viene da dire. In questo modo si concilierebbe spettacolo e, in parte, giustizia. Ma solo apparentemente! Le qualifiche, infatti, sono la premessa del Gran Premio e già da loro partono i presupposti per avere una corsa divertente o noiosa.

    I tempi sono cambiati e, probabilmente, se partisse sistematicamente per primo il migliore, dati i valori in campo, 9 volte su 10 il poleman allungherebbe, se ne andrebbe e vincerebbe in solitario la corsa. Insomma, altro che spettacolo!…