Fanta F1: Bahrain, sotto a chi tocca!

Il Gioco a pronostici sulla Formula 1 2009, Fanta F1, arriva alla quarta tappa della stagione con il Gran Premio del Bahrain

da , il

    Chi partirà in pole position nel Gran Premio del Bahrain? Inutile negarlo, ci vuole fortuna stavolta per azzeccare il pronostico della nostra Fanta F1. Più del solito. Per indovinare, infatti, non si dovrà solo decifrare la macchina più veloce tra un lotto di concorrenti pressoché allineati sulle stesse performance ma si dovrà tentare di interpretare anche la strategie di gara di ciascuno.

    PRONOSTICO. Brawn GP e Red Bull sopra a tutti. Dentro, poi, ci si mette Trulli e Rosberg giusto per confermare quanto visto nei GP precedenti. Alla rosa dei papabili, però, va aggiunto di diritto Alonso che ha una voglia matta di farsi notare e potrebbe ripresentare la strategia tutta all’attacco che è naufragata, non per colpa sua, sotto il diluvio di Shanghai. Se siete degli inguaribili rematori controcorrente, infine, provatela con Hamilton. Mi saprete dire.

    BRAWN GP E RED BULL. Jenson Button è soddisfatto del comportamento della sua macchina:“Abbiamo completato con successo la valutazione delle opzioni di set-up per trovare il giusto bilanciamento su questa pista. Siamo ben preparati a questo caldo intenso e ci aspettiamo una gara asciutta”. Il leader del mondiale crede, però, che la pole position sarà tutt’altro che scontata:“Domani sarà una dura battaglia in qualifica”. Ad impensierirlo maggiormente è, oltre a Rubens Barrichello, Sebastian Vettel:“Lo scorso fine settimana e’ stato fantastico ma ora si torna alla normalita’ e qui c’e’ un sacco di lavoro a fare - ha ammesso il tedesco – E’ difficile commentare la performance, ma sento bene la macchina. Stamattina abbiamo lottato con il bilanciamento ma e’ migliorato nel pomeriggio”. La Red Bull, sotto al sole del Bahrain, non sembra avere la stessa brillantezza della Cina ma è comunque l’avversario più ostico.

    TRULLI E ROSBERG. Gli exploit di Rosberg nelle libere non stupiscono più. Riuscirà a mantenere lo stesso livello di prestazioni anche quando si fa sul serio? Stavolta sembra di sì:“Confrontando le nostre prestazioni rispetto agli altri weekend posso dire che stiamo migliorando. Abbiamo fatto molte modifiche al set-up e sono soddisfatto del lavoro fatto oggi e dei progressi compiuti - ha spiegato il pilota tedesco giustificando i progressi prestazionali con alcune novità tecniche introdotte dal team di Grove – i nuovi componenti sembrano funzionare bene. Ringrazio i nostri ragazzi dell’aerodinamica per il loro continuo lavoro di sviluppo sulla macchina” Più sornione, ma altrettanto in grado di piazzare la zampata decisiva è Jarno Trulli che, però, lamenta ancora qualche problema di setup:“Abbiamo dovuto cambiare alcuni dei nostri set up al fine di adattare le vetture a queste temperature molto piu’ calde rispetto a quelle dei test di due mesi fa. Pertanto dobbiamo ancora trovare una maggiore guidabilità”

    MCLAREN. E’ ricco di notizie il fuori pista della McLaren Mercedes in Bahrain. “Qualcuno ha ipotizzato che la Mercedes potrebbe lasciare la Formula 1. No, la Mercedes non lascia” con questo parole Norbert Haug, innanzitutto, tiene a smentire le voci apparse recentemente che davano il motorista tedesco in forte dubbio sul proseguire o meno l’avventura in F1. Martin Whitmarsh, in secondo luogo, pare abbia scritto una lettera al presidente della FIA Max Mosley nella quale confessa la bugia, ammette lo sbaglio e chiede clemenza. Sul fronte delle prestazioni, invece, restano ancora grossi punti interrogativi. I miglioramenti ci sono e sono evidenti ma per nascondere le pecche del progetto MP4-24 non basta neanche un Hamilton tirato a lucido:“Senza dubbio abbiamo una vettura molto bilanciata qui. La pista e’ parsa avere molto grip fin dall’inizio della sessione e il nostro lavoro con le gomme dure e’ stato molto consistente. Purtroppo, però, non abbiamo fatto progressi significativi, del resto non abbiamo portato nulla di nuovo in questo weekend”.

    FERRARI. Quelli del Cavallino hanno lavorato sulla sostanza. Nessuna ricerca di tempi a sensazione ma macchine cariche di benzina per sperare in un GP che al momento della bandiera a scacchi, consenta di fare i conti con una classifica leggermente diversa:“La nostra macchina e’ rimasta la stessa rispetto a quella che avevamo a Shanghai quindi non potevamo aspettarci un quadro diverso ? ha dichiarato Stefano Domenicali ? Il nostro obiettivo e’ quello di portare a casa qualche punto: dobbiamo essere realistici” Felipe Massa è piuttosto pessimista:“Sicuramente non e’ stata una buona giornata. La gomma piu’ dura e’ molto difficile da usare mentre la morbida sembra essere la migliore, non solo come prestazione assoluta ma anche sulla distanza. Senza Kers sarei stato ancora più attardato”. Dello stesso avviso è Kimi Raikkonen:“Non siamo veloci come vorremmo ma dobbiamo cercare di tirare fuori il meglio da questa situazione. Abbiamo raccolto tanti dati che ora andranno analizzati per prepararci al meglio per la gara. Ci aspetta un weekend difficile ma ne eravamo perfettamente consapevoli.?