Ferrari: con Alonso si torna al futuro

Formula 1: la Ferrari esce trionfatrice dal Gran Premio del Bahrain, prima gara del calendario 2010

da , il

    Vittoria alla prima gara. Fernando Alonso come Kimi Raikkonen nel 2007. Fernando Alonso come Michael Schumacher nel 2004. Inizia in modo analogo agli ultimi due titoli mondiali vinti dalla Ferrari la difficile stagione 2010. A rendere ancor più esaltante la domenica di Maranello c’è il secondo posto di Felipe Massa. Per la Rossa è una doppietta importante sotto molti punti di vista. Soprattutto da quello prestazionale. Messo in archivio un 2009 passato nelle retrovie, la Ferrari F10 dimostra di essere forte tanto quanto la più agguerrita concorrenza.

    FERRARI. Vittoria numero 211 su 794 Gran Premi disputati per la Ferrari. E’ la quarta in sette edizioni del GP del Bahrain mentre Alonso sale a quota 22 successi su 141 partecipazioni. Inizia con il pallottoliere il dopo-gara della Ferrari sul circuito di Sakhir. Le ultime due volte che c’è stato un inizio del genere, il pilota del Cavallino ha portato a casa il titolo iridato. “Un inizio di campionato fantastico – ha dichiarato Stefano Domenicali - Oggi abbiamo dovuto gestire una situazione molto complicata con la macchina di Felipe a causa delle elevate temperature ma ce l’abbiamo fatta e mi ha fatto molto piacere vedere il nostro pilota sul podio in un giorno così speciale per lui. Quanto a Fernando - ha aggiunto il team principal Ferrari - che posso dire? Non c’era modo migliore per cominciare la sua avventura in rosso!” Il tecnico imolese ha poi voluto gettare acqua sul fuoco degli entusiasmi:“Da domani dobbiamo cominciare a prepararci per la prossima tappa in Australia, mantenendo sempre il nostro consueto approccio: umiltà, piedi per terra e lavoro. Abbiamo davanti una stagione lunghissima e dove dovremo lottare contro avversari fortissimi e determinati.” A poche ore dal grande risultato, è arrivato anche il messaggio del Presidente Montezemolo:“Sono felicissimo ma soprattutto orgoglioso dei miei uomini che hanno fatto un lavoro straordinario. E’ stata una vittoria voluta e cercata dopo mesi di duro lavoro. Sono anche molto contento per i nostri piloti con Alonso che debutta con una vittoria e Massa che ritorna velocissimo in una gara dura dopo l’incidente dello scorso anno”.

    FERNANDO ALONSO. Il pilota spagnolo dedica la vittoria al Presidente Montezemolo “che ha creduto in me” e ai meccanici che hanno fatto un gran lavoro ed hanno sostituito il motore al mattino in pochissimo tempo. “Salire sul gradino più alto del podio è stata una sensazione speciale – ha raccontato Alonso – Le prime gare della stagione sono molto importanti: bisogna arrivare alla parte europea del campionato con tanti punti all’attivo e con un bagaglio di conoscenza sul comportamento delle gomme sui vari circuiti”. Secondo l’asso delle Asturie, la chiave vincente sarà lo sviluppo continuo gara dopo gara.

    FELIPE MASSA. Il pilota di San Paolo lamenta alcuni problemi tecnici e manifesta soddisfazione per aver concluso la gara. Il secondo posto, poi, è quanto di meglio potesse arrivare. “Abbiamo dovuto gestire le temperature della macchina e, per una trentina di giri, non ho potuto spingere come avrei voluto - ha detto Massa - Con le gomme più morbide la Red Bull era più veloce di noi mentre con quelle più dure noi andavamo molto meglio”, ha concluso il brasiliano ringraziando ancora tutti quelli che gli sono stati vicini in questi mesi.