Ferrari, Felipe Massa crede nel poker turco

La Ferrari si presenta al Gran Premio di Turchia edizione 2009 di Formula 1 con grandi ambizioni

da , il

    Il Gran Premio di Turchia casca a fagiolo. In un momento di grande crescita per la Ferrari, arriva il circuito dove si sono raccattate 3 vittorie negli ultimi 3 anni. Tutte firmate Felipe Massa. Il brasiliano, per nulla messo sotto pressione dalla responsabilità, vuole sfruttare il suo particolare feeling con la pista e dichiara di puntare ad un fantastico poker.

    FELIPE MASSA. E’ ripartito a Monaco il mondiale delle Rosse. Massa ottiene il giro più veloce e spiega che, senza traffico in qualifica, sarebbe potuto partire molto più avanti, dando alla corsa, chissà, persino un’altra tinta. Al di là di ciò che è stato, comunque, resta la consapevolezza che le vitamine prese dalla F60 l’hanno fatta crescere molto e bene. Talmente bene che la squadra Ferrari si presenta in Turchia con la pazza idea di infastidire la Brawn GP. “Ad Istanbul faremo un ulteriore, piccolo passo avanti in termini di sviluppo aerodinamico, che dovrebbe migliorare ancora di più la vettura e che sarà d?incoraggiamento anche per i ragazzi che lavorano in fabbrica - ha spiegato Massa – Vogliamo continuare a migliorare il più velocemente possibile, per cercare di vincere qualche gara. Sarebbe stupendo se riuscissimo a trovarci nella condizione di lottare per la vittoria in Turchia”.. Il vicecampione del mondo non dimentica il suo record di 3 pole e 3 vittorie consecutive negli ultimi 3 anni:“Sarebbe bello poter continuare nella stessa direzione. Mi piace il tracciato e mi sento a mio agio qui, ma è difficile definire con precisione perché questa pista si adatta meglio delle altre alle mie caratteristiche. Preferisco i tracciati veloci e mi trovo bene in tutte le curve di questo circuito, perché non è sufficiente essere veloci solo in una particolare parte del tracciato. Il segreto, però, se proprio va trovato, potrebbe essere nel senso, antiorario:“Non solo in Turchia ho vinto le ultime tre volte. Anche in Brasile dovremmo considerare le ultime tre come vittorie. Mi è stato suggerito che la ragione potrebbe essere che sono gli unici due circuiti in senso anti-orario del calendario. Chi lo sa? Forse vado meglio degli altri sulle curve a sinistra!” ha concluso il paulista.

    FERRARI F60. Va bene essere motivati. Ma senza macchina si va poco lontano. Per questo la Ferrari ha proseguito il lavoro di sviluppo sulla F60 andando ad intervenire sull’aerodinamica e aggiornando ulteriormente il doppio diffusore. Rispetto alla rivoluzione di Barcellona, fanno sapere da Maranello, in Turchia è stata ripresa la politica dei piccoli ma costanti miglioramenti. Tra gli avversari più ostici, oltre alle solite Brawn GP, è atteso il ritorno della Red Bull che su piste veloci ha sempre fatto vedere cose egregie.