Ferrari, le critiche sono da Bar dello Sport!

La Ferrari lascia la Malesia con l'amaro in bocca e si becca valanghe di critice

da , il

    Il flop Ferrari nel Gran Premio di Malesia sta levando critiche copiose tanto quanto la pioggia caduta sul circuito di Sepang. Ad essere onesti, però, va detto che la maggioranza delle ingiurie sono del tutto gratuite ed ingiustificate degne, semmai, da Processo di Biscardi e non da veri intenditori dello sport a motore.

    BAR SPORT. La Ferrari non è stata impeccabile in Malesia. Impossibile sostenere il contrario. Sparare a zero contro la scuderia di Maranello è, però, ridicolo. Anche il sempre compianto Ross Brawn, tanto per mettere le cose in chiaro, ha montato le gomme sbagliate a Jenson Button e Rubens Barrichello. Con lui, sono spariti gli pneumatici durante i pit stop e si sono viste strategie bislacche con tanto di ordini di scuderia quantomeno discutibili. Senza di lui, invece, sono arrivati, tra il 2007 ed il 2008, 3 titoli mondiali su 4 disponibili. Lungi da me criticare le straordinarie doti dell’uomo di Brackley. Trattasi solo di un modo per ristabilire le giuste proporzioni agli eventi di Sepang.

    GLI SBAGLI. Sabato viene fatto un grave errore di valutazione. Ci può stare come no. In gara arriva l’azzardo con Raikkonen che secondo molti era degno di una squadra da ultime file e non da Ferrari. In realtà hanno fatto bene a provarci. La benzina nel serbatoio era finita e, se avessero montato ancora gomme da asciutto, il finlandese avrebbe potuto aspirare ad un inutile quinto o sesto posto. Da perdere c’era poco. Se l’acqua fosse arrivata, invece, sarebbero stato dei fenomeni! Ci vuole giudizio… nei giudizi. Soprattutto quando si parla di sport. I primi a sentirsi degli idioti sono gli stessi uomini in rosso che con Schumacher, probabilmente una delle menti che ha messo su la strategia a tutto rischio di Raikkonen, non hanno nascosto un certo nervosismo durante la interviste post-gara. Dove c’è da lamentarsi, semmai, è con Felipe Massa. Al brasiliano potevano montare da subito gomme intermedie visto il modo in cui la pioggia stava traccheggiando. A quest’ora sarebbe stato davanti a Glock. Oppure potevano tener duro con le gomme da bagnato pesante senza richiamarlo altre due volte ai box. Avrebbe concluso in zona Heidfeld. L’indecisione non è servita a nulla.

    MASSA E RAIKKONEN. “E’ stata una gara buttata” ha dichiarato il finlandese commentando la strategie sbagliata sulla scelta delle gomme e minimizzando sul problema al KERS che lo ha costretto comunque ad alzare bandiera bianca allo stop della corsa. Felipe Massa è più loquace:“Con tutto quello che è successo si possono prendere decisioni giuste o sbagliate, doveva arrivare la grande pioggia e avevamo pensato di mettere le gomme da pioggia, invece ha ritardato e le nostre gomme si sono rovinate. Ho fatto un giro con le intermedie ed è arrivata la pioggia forte. Questo ci ha fatto perdere l’occasione per far punti”. Sebbene le performance della F60 sembrino lontane dalle prime file, il brasiliano continua a vedere la sua stagione ancora raddrizzabile. Non a caso, si concentra sul campionato:“Ci consoliamo con il fatto che gli altri hanno fatto metà dei punti e non come una gara normale”.