Ferrari: via Baldisserri! Al suo posto Dyer

La Ferrari lascia a casa Luca Baldisserri

da , il

    Nell’imminente vigilia della sentenza di Parigi sui diffusori ed a pochi giorno dal Gran Premio della Cina, dalla Ferrari arriva una notizia che ha del clamoroso: il team manager Luca Baldisserri non sarà presente alla trasferta di Shanghai. Il suo posto sarà preso dell’ex-ingegnere di macchina di Schumacher prima e Raikkonen poi, l’australiano Chris Dyer.

    BALDISSERRI A CASA. Il primo pensiero è stato semplice: Luca Baldisserri paga per tutti. Il direttore tecnico viene lasciato a casa e diventa il vero capro espiatorio di tutti gli errori del muretto Ferrari. A vederci meglio, però, non è ancora chiara la posizione del tecnico italiano che sarà sostituito da Chris Dyer e si dovrà dedicare al delicatissimo lavoro di sviluppo della F60, gomito a gomito con Aldo Costa.

    F60 DA RIFARE. L’obiettivo della Ferrari è quello di accelerare al massimo lo sviluppo della monoposto portando in azienda un uomo dalla massima esperienza su tutto ciò che avviene in pista. In cima alla lista dei desideri c’è il diffusore della Brawn GP, ma limitarsi a quello sarebbe riduttivo. Costa ed il suo gruppo di tecnici cercheranno novità a 360°. Non a caso, già da Shanghai, grazie al lavoro fatto da Gene’ negli scorsi giorni, la F60 porterà in pista una nuova ala anteriore e delle modifiche alle flange dei cerchi ed ai deviatori di flusso.

    PARIGI. Escluso Aldo Costa, già con la testa in Cina, a rappresentare la Ferrari saranno i pezzi più grossi dal punto di vista tecnico, vale a dire Rory Byrne e Nikolas Tombazis. La sentenza sarà comunicata mercoledì pomeriggio ma la mossa di lasciare Baldisserri a casa fa capire che l’unica alternativa presa in considerazione da Maranello è quella di buttarsi a capofitto sul progetto del nuovo diffusore in stile Williams, Toyota e Brawn.