Formula 1 2010: N.Technology, team italiano

N technology e Epsilon Euskadi sono i nuovi team che hanno richiesto l'iscrizione al mondiale di Formula 1 2010

da , il

    Si arricchisce la lista dei team che ambiscono ad un posto nella Formula 1 2010, quella low cost. Ai favoritissimi Prodrive e USF1 si erano già aggiunti Lola, Campos, Superfund, March e Litespeed. Adesso tocca a Epsilon Euskadi e N-techonolgy. Senza rottura con tra FIA e FOTA, però, ne resteranno soltanto 3.

    N TECHNOLOGY. Il sito del team è al momento solo un “coming soon”. Dietro al progetto ci sono i nomi di Angelo Codignoni e Mauro Sipsz, già impegnati con l’Alfa Corse. Il gruppo di riferimento è l’ MSC Organization Ltd, quello della Formula Master per intenderci, ed i nomi schierati in prima linea sono quelli di Monica Bregoli, Andrea Adamo e Alessandro Alunni Bravi. Appare evidente che fino al 12 giugno, data in cui saranno ufficializzati i team iscritti, non se ne saprà molto di più.

    EPSILON EUSKADI. Come anticipato a suo tempo dalle informatissime e provocatorie fonti della Ferrari, anche la Epsilon Euskadi tenta la carta della F1. A confermarlo è direttamente il boss della scuderia Joan Villadelprat il quale tende a precisare che non si tratta di una sortita estemporanea:“Se la squadra spagnola farà parte dell’elenco delle squadre che parteciperanno al mondiale 2010 saranno garantiti i finanziamenti per i prossimi 4 anni”.

    MOSLEY ALZA IL PUGNO. Forte di ben 9 nuove squadre smaniose di entrare in F1, Max Mosley prova a rifarsi sotto nei confronti della FOTA che aveva iscritto i suoi team con riserva:“Se vogliono farsi il loro campionato liberissimi di farlo. Il Patto della Concordia entro il 12 giugno è irrealistico”. Intervistato dal tedesco Motorsport Aktuell, il presidente della Fia è entrato nel merito della richiesta dei team ribelli per spiegare che un importante atto come il Patto della Concordia non può essere firmato in un tempo così breve. Messe le cose in chiaro, Mosley è ripartito con le sue provocazioni:“Io dico: se volete fare le regole, allora organizzate il vostro campionato mondiale. Ma la Formula 1 è nostra, noi facciamo le regole. Abbiamo iniziato 60 anni fa e continueremo così”.

    foto: www.epsiloneuskadi.com; www.ntechnology.it; agr.corriere.it