Formula 1, l’inizio di stagione 2020 slitta ancora: rinviati i GP di Bahrain e Vietnam

Dopo l'annullamento della gara di Melbourne a causa del coronavirus, FIA e Liberty Media hanno deciso di rinviare anche le gara di Bahrain e Vietnam

da , il

    formula 1 melbourne

    La Formula 1, dopo l’annullamento del GP d’Australia a causa del coronavirus, si vede costretta a cambiare ancora una volta i piani rinviando i GP di Bahrain e Vietnam e posticipando quindi l’inizio della stagione 2020. Le gare, che si sarebbero dovute correre rispettivamente il il 22 marzo a Sakhir e il 5 aprile ad Hanoi, non sono state però cancellate, segno evidente della volontà da parte di Liberty Media, di recuperarle più avanti nel corso della stagione lasciando così il calendario orfano solo della gara di Melbourne.

    La stagione 2020 potrebbe iniziare da Baku

    Sono già 4 le gare che hanno dovuto subire modifiche – Australia, Cina, Bahrain e Vietnam -, ma anche altre potrebbero subire slittamenti o cancellazioni: nel comunicato della Formula 1, infatti, si parla di uno slittamento dell’inizio della stagione a fine maggio mentre in quello diffuso dalla Federazione Internazionale l’appuntamento è per il 1° maggio dando quasi per scontato che le vetture saranno in pista nei GP d’Olanda, di Spagna e di Monte Carlo. Le tre tappe, però, rimangono sotto osservazione per la diffusione del virus in Europa; la data più probabile per l’inizio della stagione 2020 diventa quindi quella di Baku, addirittura il 7 giugno prossimo.

    A parlare della situazione, e del caos che il Covid-19 sta generando in tutto il mondo sportivo e non solo, ci ha pensato Chase Carey, numero uno di Liberty Media, che è tornato sulla questione australiana e sullo svolgimento dell’intera stagione di Formula 1: “La situazione globale riguardo al COVID-19 è fluida e molto difficile da prevedere, è giusto che ci prendiamo del tempo per valutare la situazione e prendere le decisioni migliori. Stiamo prendendo questa decisione con la FIA e gli organizzatori per garantire la sicurezza di tutti i soggetti coinvolti nella Formula 1 e dei nostri fan. Il Gran Premio del Bahrain è una gara entusiasmante nel nostro programma e non vediamo l’ora di tornarci il prima possibile. Non vediamo l’ora poi di vedere svolgere il primo GP del Vietnam e di portare lo spettacolo della F1 in una delle città più emozionanti del mondo” ha concluso.