Formula 1: Button conquista l’Australia

Formula 1: Jenson Button vince il Gran Premio d'Australia

da , il

    Nel GP d’Australia 2010 Jenson Button ha conquistato una vittoria targata pragmatismo e fortuna: due doti, insomma, da vero campione del mondo. Per l’ennesima volta l’inglese sfrutta le sue più grandi capacità. Vale a dire opportunismo, intelligenza nel leggere la corsa e sensibilità nell’amministrare la monoposto. In questo caso, la fortuna ci vede benissimo ed a fine ostilità il pilota McLaren non nasconde la soddisfazione per un risultato voluto, cercato prendendosi dei bei rischi e… ottenuto.

    JENSON BUTTON. “Con le intermedie la macchina non era stabile allora ho deciso di mettere le gomme slick prima degli altri”, spiega così Jenson Button la mossa chiave della gara, quella che gli ha consentito di trovarsi, qualche giro dopo, al posto giusto al momento giusto. “Inizialmente credevo di aver fatto un grave errore perché era difficile guidare ma dopo un giro ho trovato il giusto ritmo ed ho girato velocemente. Gli altri si sono fermati dopo e sono riuscito a passare molti dei miei rivali - ha aggiunto il campione del mondo in carica – E’ una fantastica sensazione vincere il primo Gran Premio con la McLaren perché dopo un inizio difficile ho trovato un grande supporto da parte del team”, ha concluso il driver di Woking protagonista al via di un contatto con Fernando Alonso che poteva costargli molto caro. Ma quando la fortuna gira, non c’è altro da fare che approfittarne.

    MARTIN WHITMARSH. Grande soddisfazione per il team principal McLaren che vede un suo pilota salire sul gradino più alto del podio alla seconda gara stagionale:“Non ci aspettavamo la vittoria ma la cercavamo. E’ stato ottimo per la squadre e per Jenson. Per quanto riguarda Lewis Hamilton, abbiamo sbagliato noi a farlo rientrare. Col senno di poi possiamo dire così. Per tutto il weekend i piloti si sono trovati bene e siamo contenti”. Oltre alla vittoria, le monoposto inglesi hanno portato in pista confortanti prestazioni anche in prospettiva futura.

    ROBERT KUBICA. Con Sebastian Vettel messo fuori causa dal freno anteriore, unico avversario in grado di impensierire Button è stato Robert Kubica. Il pilota Renault, però fa capire che, una volta trovatosi al secondo posto ed avendo deciso di non effettuare nessun altro pit stop, il suo unico pensiero è stato guardarsi le spalle:“Jenson era più veloce, ha portato le gomme in temperatura prima di me e non potevo tenere il suo passo. Sono stato attaccato prima da Hamilton e poi da Massa ma ho cercato di guidare avendo cura degli pneumatici ed alla fine il risultato è arrivato”.

    Foto: gpupdate.net