Formula 1, Button: McLaren è scommessa vinta

Formula 1: Jenson Button parla del suo avvio di stagione 2010 commentando positivamente la scelta di passare in McLaren

da , il

    Jenson Button è stato preso per pazzo dai più quando con il titolo di campione del mondo in tasca vinto fortunosamente ha deciso di entrare nella tana nel lupo Lewis Hamilton siglando un contratto con il team McLaren. Con la stagione 2010 neanche a metà del proprio percorso, per il pilota inglese si può già parlare di scommessona vinta. Contro ogni pronostico, il bel Jenson si è trasformato e, in un solo anno, è passato dall’essere un Fisichella qualunque ad un campione del mondo che guida la miglior macchina del momento e tiene il passo del fenomenale Hamilton!

    JENSON BUTTON. In pochissimi credevano che Jenson Button avrebbe tenuto il passo di Lewis Hamilton. Andando a vedere la prestazione pura, effettivamente, il divario c’è. Se, però, si dà un’occhiata alla classifica mondiale (soli 3 punti sotto), si contano le vittorie (2 a testa) e si guardano i distacchi rimediati in gara (minimi), si scopre che questo campione del mondo in carica ha trovato evidentemente un equilibrio psicofisico perfetto che lo tiene costantemente in stato di grazia. E si fatica a credere che sia lo stesso pilota che stava dietro ai vari Fisichella, Trulli e Ralf Schumacher. Insomma, Jenson Button c’ha visto giusto a passare in McLaren anche perché adesso si trova tra le mani la vettura più forte dell’intera F1:“Penso che ora tutti siano concordi con me sul fatto che la mia scelta sia stata quella più giusta. Molte persone hanno messo in discussione questa mia decisione, quando ho optato per la McLaren, ma grazie alla mia posizione in classifica ho sbugiardato i più - ha detto con soddisfazione – Uno dei fattori principali che mi ha spinto a scegliere la McLaren è l’aver visto quanto la squadra riesce a sviluppare la vettura durante l’anno: l’anno scorso, all’inizio, la loro vettura era lenta. Hanno deciso di non interrompere lo sviluppo e verso il finale di stagione è arrivata una vittoria”. Quanto al rapporto con Hamilton, ha sarcasticamente commentato:“I rapporti sono ottimi, mi spiace per i maligni?”

    MCLAREN. La McLaren è la vettura più forte del momento. Vista la crescita, dobbiamo ammetterlo. La Red Bull è ancora lì ma sembra in difficoltà nel tenere il passo della monoposto di Woking. La conferma arriva direttamente dal team principal inglese Martin Whitmarsh:“Con la nostra vettura costantemente sviluppata credo che possiamo continuare ad essere una minaccia per la maggior parte delle gare rimanenti. Naturalmente, non siamo estranei allo sviluppo inarrestabile, è uno dei maggiori punti di forza della squadra, e siamo impegnati a massimizzare ogni piccolo componente alla ricerca di prestazioni”. Obiettivo McLaren da qui alla fine della stagione è mantenere un alto livello di performance su tutti i circuiti.