Formula 1, è rottura: la FOTA farà un suo campionato

La FOTA, l'Associazione dei team di Formula 1 ha dichiarato che le trattative con la FIA di Max Mosley si sono concluse che dal prossimo anno partirà una serie alternativa

da , il

    Formula 1, è rottura: la FOTA farà un suo campionato

    La FOTA ha deciso: niente più trattative. In un comunicato uscito in tarda notte, l’Associazione dei team di Formula 1 ha reso noto che, non avendo viste accolte le proprie richieste da parte della FIA, non parteciperà al campionato mondiale del 2010 e darà vita ad una categoria propria.

    COMUNICATO FOTA. Nel comunicato diramato dalla FOTA al termine di una riunione fiume avuta luogo nel quartier generale Renault, a pochi chilometri dal circuito di Silverstone, si legge che sta iniziando la preparazione di una serie alternativa alla Formula 1. Con queste motivazionie:“I desideri dei team piu’ importanti sono stati ignorati. Inoltre, decine di milioni di dollari non sono stati distribuiti dal detentore dei diritti commerciali (Bernie Ecclestone ndr) sin dal 2006. E’ quindi chiaro che i team non possono continuare a compromettere i valori fondamentali dello sport e hanno rifiutato di togliere la riserva alla loro iscrizione al campionato 2010″

    FIA E FOTA. La comunicazione della FOTA arriva dopo che Mosley aveva alzato, come ultima offerta, il budget cap a 100 milioni. Risulta chiaro, oggi più che mai, che quel tema sia solo la punta dell’iceberg. Sotto ci sono questioni di soldi, spartizioni di torte e visioni completamente divergenti su come debba evolversi la disciplina. A questo punto, quindi, la rottura non è più rimarginabile. A meno che questa mossa dei team non sia stato l’ennesimo tentativo di mettere alla corda Max Mosley. Va detto, infatti, che il Presidente della FIA, senza gli 8 dissidenti, si ritroverebbe una Formula povera dal punto di vista numerico e tecnico, nonché alle prese con una quantità innumerevole di cause in corso da fare a Ferrari, Red Bull e Toro Rosso che tutt’ora risultano iscritte d’ufficio ma che non hanno alcuna intenzione di presentarsi ai nastri di partenza.

    REAZIONI. A parlare per primi sono stati i piloti. Fernando Alonso e Felipe Massa in momenti e luoghi diversi hanno espresso la loro intenzione, condivisa per altro da tutti i colleghi, di voler seguire la FOTA snobbando di fatto la Formula 1 della nuova era. Anche questo sarà un brutto colpo per Mosley che, oltre a veder sfuggire i grandi marchi, sarà costretto a salutare i grandi nomi con conseguente calo di interesse, di sponsor, di soldi. Altro che budget cap… Forti di tutto ciò, i team della FOTA non hanno avuto paura di alzare l’asticella. A Mad Max, quindi, non resta che capitolare. Oppure ridimensionare i propri orizzonti organizzando una F1 non molto più sofisticata di una GP2 e perdere il prestigio di essere a capo della massima competizione motoristica del mondo.

    Foto: www.teamsassociation.org