Formula 1, FIA: Briatore resta colpevole!

La FIA prende atto della sentenza che riabilita Flavio Briatore ma si dice convinta ad applicarla solo che saranno passati tutti i gradi di giudizio

da , il

    La Federazione Internazionale dell’Automobile prende atto della sentenza del tribunale di Parigi ma non cambia idea, né atteggiamento, di fronte a Flavio Briatore e Pat Symonds. Secondo l’organizzazione, dal processo escono sconfitti i modi usati per condannare l’italiano ed il suo ex-collega ma non viene minimamente intaccata la loro colpevolezza per la frode sportiva messa in atto nel GP di Singapore 2008. Pertanto, la squalifica resta almeno fino a quando non saranno passati tutti i gradi del processo. Curiosamente, in contemporanea con la sentenza, la Renault comunica il nome del nuovo team principal. Sarà Eric Boullier.

    FIA. La FIA incassa ma non molla. “La decisione della Corte non è esecutiva finchè non saranno esaurite le possibilità della Fia di fare ricorso. Fino ad allora, la decisione del Consiglio Mondiale continua ad applicarsi”, si legge in una nota uscita da Place de la Concorde. La Federazione fa notare come il tribunale di Parigi abbia contestato solo il modo con cui è arrivata la squalifica di Briatore e Symonds per i fatti di Singapore senza entrare nel merito della loro colpevolezza. Insomma, modi a parte, la FIA crede ancora che i due siano colpevoli e, pertanto, resta ferma sulla posizione presa al termine del processo sportivo di due mesi fa. “La capacità della Fia di escludere coloro che intenzionalmente hanno messo la vita degli altri a rischio non è mai stato messo in dubbio e la Fia sta considerando attentamente le opzioni di ricorso su questo punto”, prosegue il comunicato che ribadisce la ferrea volontà della Federazione di tenere ancora per molto tempo lontani dalle competizioni Briatore e Symonds.

    RENAULT. Briatore ha già fatto sapere di non voler tornare. Questo, almeno per il momento, allenta la tensione e fa sì che il resto della polemica possa scivolare destando meno clamore e infangando meno questo sport già messo a dura prova negli scorsi anni da vari scandali. Curiosamente, la Renault ha atteso il giorno della sentenza per comunicare il nome del successore del manager italiano. Ricordiamo che il posto vacante era stato temporaneamente ricoperto da Bob Bell. Trattasi del giovane Eric Boullier. Il 36enne francese vanta esperienze di direzione al vertice nel team DAMS di GP2 e nel team Francia della A1GP. “Sono estremamente orgoglioso di unirmi al Team Renault F1 come Team Principal - ha dichiarato – Renault e’ uno dei nomi piu’ famosi e di successo nel motorsport e attendo con impazienza di poter guidare la squadra nella nuova stagione. L’obiettivo dei transalpini è tornare a lottare per il titolo entro due anni.