Formula 1, sfogo di Domenicali: “Non sono io il problema della Ferrari”

Mentre Fernando Alonso ammette apertamente che la Ferrari ha sbagliato tutto da metà stagione 2013 in poi, Stefano Domenicali fa un passo indietro

da , il

    Formula 1, sfogo di Domenicali: “Non sono io il problema della Ferrari”

    Mentre Fernando Alonso ammette apertamente che la Ferrari ha sbagliato tutto da metà stagione 2013 in poi, Stefano Domenicali fa un passo indietro. Non nel senso che torna sui propri passi e magari pensa a delle clamorose dimissioni. Ma nella direzione di declinare ogni responsabilità per gli scarsi risultati ottenuti anche quest’anno in Formula 1. Intervistato dal quotidiano spagnolo As, il team principal di Maranello parla così:“Non si può pensare di cambiare Domenicali e credere di vincere da domani. So che il mio capo potrebbe farlo ed io sarei comunque grato alla Ferrari. Ma non è detto che chi lascia la via vecchia per la nuova… Il problema non è Domenicali. Domenicali è il primo ad arrivare la mattina e l’ultimo ad andarsene. E se nel 2012 avessimo vinto ora il giudizio sarebbe del tutto diverso”.

    Guarda anche:

    Domenicali, perché questo sfogo?

    Sarebbe molto interessante sapere il perché di questo sfogo di Stefano Domenicali. E’ stata solo una risposta alle pressioni dei giornalisti spagnoli che gli ricordavano quando Fernando Alonso non fosse contento della situazione? O è un segnale chiaro che la sua poltrona sia davvero diventata rovente? Affermare che “se nel 2012…” è abbastanza patetico. Sappiamo tutti che la Ferrari non ha fatto male e avrebbe potuto vincere anche nel 2010 un altro bel mondiale. Per non contare quello clamoroso del 2008. Sappiamo anche che, esclusa la Red Bull, la Rossa è sempre stata lì davanti a dettare legge. Tuttavia, considerate storia e ambizioni, nonché mezzi economici, la scuderia italiana viene da un bilancio oggettivamente deludente. La scelta di riprendere Kimi Raikkonen, fortemente voluto proprio da Domenicali, pare aver confermato la sua forza all’interno della squadra. Non crediamo, quindi, che Montezemolo voglia farlo fuori anche perché tutti i cambiamenti organizzativi e di ruoli sono altresì frutto della visione dell’attuale team principal. Perché fargli costruire un team a sua immagine e poi mandarlo via? Se, poi, dal 2014 la galleria del vento riprenderà a funzionare decentemente… forse forse un’ultima chance la merita.

    F1 2013: Ferrari così per le ultime 4 gare

    “Il terzetto di macchine in testa [nel GP del Giappone] aveva un passo superiore al nostro ma ora non dobbiamo assolutamente mollare la presa - ha dichiarato Domenicali su ferrari.com nel commentare la quintultima tappa del mondiale 2013 di Formula 1 - nelle ultime 4 gare abbiamo l’obbligo di dimostrare che la Ferrari non smette mai di lottare per le posizioni di vertice”. E’ Pat Fry a metterci una vera nota di ottimismo:“A differenza della scorsa settimana, abbiamo avuto un degrado migliore ed un ritmo che ci ha permesso di recuperare posizioni. Sicuramente la prestazione è stata condizionata dal traffico e anche se il podio non era alla nostra portata, il passo gara ci avrebbe permesso di finire dietro ai primi tre con un distacco inferiore. Per le ultime quattro gare valuteremo se portare qualche miglioramento che motivi piloti e squadra in questo finale di Campionato”, ha dichiarato il tecnico britannico.