Formula 1: l’Hungaroring è il regno di Hamilton, Leclerc cerca la sua prima vittoria

Hamilton il migliore di sempre in 34 anni di Hungaroring, ma la scuderia da battere è la McLaren. Vettel e Verstappen da tenere d'occhio mentre Leclerc va a caccia della sua prima vittoria in Ungheria

da , il

    Hamilton al GP d'Ungheria

    Terza prova del mondiale di Formula 1. L’Hungaroring ospiterà il “circus” per la 34a volta consecutiva, a partire dal 1986. L’esordio del Gran Premio d’Ungheria porta le firme di mostri sacri di questo sport, con la pole position di Ayrton Senna e la vittoria, condita con il miglior giro, di Nelson Piquet, ma dopo di loro anche altri grandi campioni hanno messo la propria firma sul GP.

    Hamilton il dominatore

    Il circuito sembra essere particolarmente favorevole allo stile di Lewis Hamilton, recordman e autore di ben 7 vittorie dal 2007 ad oggi e ben 6 pole position, dati che lo eleggono re quasi incontrastato dell’Hungaroring tanto che solo 5 piloti sono riusciti a vincere durante la sua epoca. Il primo è stato Kovalainen nel 2008, seguito da Mark Webber nel 2010, Jenson Button nel 2011, ma anche nel 2006, e Daniel Ricciardo nel 2014. Doppia vittoria, invece, per Sebastian Vettel, nel 2015 e nel 2017. Alle spalle del britannico, in quanto a successi, c’è Michael Schumacher con 4 vittorie e 7 pole position; dovesse partire davanti a tutti ancora una volta, Hamilton raggiungerebbe proprio il tedesco in testa a questa speciale classifica. Per ben 3 volte, invece, ha trionfato il brasiliano Senna, mentre per due volte sono saliti sul gradino più alto del podio Piquet, Damon Hill, Jacques Villeneuve e Mika Hakkinen. Un solo successo invece per diversi piloti come Mansell, Boutsen, Barrichello, Alonso e Raikkonen. La musica cambia però in relazione alla prima casella di partenza. Solamente in 14 occasioni ha vinto chi è partito in pole position. Lo sanno bene Riccardo Patrese e Nico Rosberg, due volte autori del miglior giro in qualifica, ma mai vincenti al traguardo. Stesso vale per Max Verstappen, poleman lo scorso anno, ma la vittoria è andata, tanto per cambiare a Lewis Hamilton. Chi cerca la sua prima vittoria, invece, è Charles Leclerc con il monegasco che ha da farsi perdonare l’errore nel GP di Stiria che ha estromesso dalla gara anche il suo compagno di squadra Vettel.

    Regno McLaren

    Così come Hamilton è il pilota detiene il maggior numero di vittorie all’Hungaroring, tra le scuderie spicca la McLaren, con ben 11 trionfi. Seguono appaiate al secondo posto Williams e Ferrari, entrambe ferme a 7 vittorie, mentre ancora più staccata la Mercedes con 4. C’è spazio anche per la RedBull con 2 trionfi, mentre con un solo successo chiudono la classifica Renault, Benetton e Honda. Qualche precisazione però è d’obbligo. Già perchè se consideriamo i motori utilizzati delle scuderie la situazione cambia. Troviamo in testa Mercedes con 12 successi, Renault a rincorrere con 8 subito davanti a Ferrari con 7. Chiudono Honda con 6 e Ford Cosworth con 1. Giusto per ribadirlo ancora una volta, all’Hungaroring Hamilton e Mercedes sono nuovamente l’accoppiata da battere.