Formula 1, il Mugello in pole position per ospitare una gara del mondiale 2020

Il circuito di proprietà della Ferrari potrebbe entrare in calendario regalando all'Italia una doppia tappa. Vicino all'ingresso anche il tracciato di Portimao

da , il

    Ferrari al Mugello

    L’Italia, in una stagione di Formula 1 già segnata in maniera importante dall’epidemia di Covid-19, può sperare di avere due tappe in calendario: dopo quello di Monza, già confermato, anche il Mugello infatti sembra essere vicino ad ospitare una gara del mondiale 2020 che partirà dall’Austria il prossimo 5 luglio. Un sogno che sembra essere pronto a diventare realtà con l’autodromo toscano a un passo dall’ingresso in calendario.

    Mugello in pole, anche Imola e la doppietta a Monza tra le ipotesi

    Un evento di portata straordinaria non solo per la Ferrari, padrona di casa che girerebbe su un tracciato storico che conosce a memoria, ma per tutta la Formula 1. L’appuntamento del Mugello, infatti, potrebbe coincidere con il GP numero 1000 nella storia della massima serie per la scuderia italiana; un modo perfetto per festeggiare la ricorrenza tra cerimonie, festeggiamenti e magari anche una vittoria visto che quello del Mugello è stato spesso e volentieri circuito sul quale allenarsi – più in passato che ora – per i piloti del Cavallino. Oltre al Mugello, però, ci sono anche altre tappe italiane come Imola o la possibilità di far disputare un secondo evento a Monza, come già succederà con il GP d’Austria o quello di Silverstone.

    Sempre più vicino il ritorno di Portimao

    Oltre alle tappe italiane, poi, grandi possibilità di entrare in calendario anche per Portimao, lo storico circuito portoghese che ha già ospitato gare della massima serie in passato e che ora, secondo i media portoghesi, sembra essere a un passo dall’ufficialità. Liberty Media sta lavorando per ampliare il calendario fino ad arrivare a circa 18 appuntamenti senza snaturare più di tanto la conformazione originale, ma appare ormai quasi certo che la gran parte delle gare si svolgerà nel Vecchio Continente, in quella che è considerata la culla dell’automobilismo. Un motivo in più, per l’Italia, per sognare un doppio appuntamento.