GP Baku F1 2018: vincitore, ordine d’arrivo e classifica

Vittoria incredibile di Hamilton nel GP di Azerbaijan 2018 di Formula 1! Brutto incidente di Verstappen ai danni di Vettel condiziona il podio

da , il

    GP Baku F1 2018: vincitore, ordine d’arrivo e classifica

    Lewis Hamilton vince il Gran Premio di Baku 2018 di Formula 1 in una gara lotteria decisa dalle safety car. E’ il poleman Sebastian Vettel a comandare senza problemi davanti all’inglese ed a Bottas fino al primo pit stop. Pit stop che viene ritardato fino a poco più di dieci giri dalla fine proprio da Bottas che lo effettua nel momento in cui arriva la safety car (causata da clamoroso incidente tra Verstappen e Ricciardo). I due della Red bull occupavano la quarta e quinta posizione davanti ad un Raikkonen in rimonta dopo contatto al via con Ocon. La ripartenza finale avviene a pochissimi giri dalla bandiera a scacchi e vede Vettel spiattellare la gomme nel tentativo di attaccare Bottas per riprendersi la testa del GP di Azerbaijan. Il tedesco della Ferrari viene così superato anche da Raikkonen e Perez! Il giro seguente è Bottas che deve ritirarsi per foratura.

    Così, la vittoria sul circuito di Baku arriva ad un esterrefatto Hamilton con Raikkonen e Perez sul podio e Vettel appena quarto. Da segnalare l’arrivo in zona punti, sesto, di Charles Leclerc con la Sauber. E’ lui l’eroe di giornata.

    Guarda anche:

    GP Baku F1 2018: vincitore

    GP Baku F1 2018: vincitore

    Hamilton:“E’ stata una gara davvero emozionante. Valtteri meritava la vittoria ed anche Sebastian è stato bravissimo. Io sono stato fortunato. Ho messo il cuore e non ho mai mollato ma è stata una gara fortunata. Credo di aver fatto un bel recupero ma va ammesso che non avevamo il passo per battere la Ferrari. Anche in qualifica erano in arrivabili. Dobbiamo lavorare molto per essere di nuovo in posizione di vantaggio dato che ora dobbiamo correre in difesa”.

    Raikkonen:“Ero all’interno e lui non mi ha visto. Ho curvato e me lo sono trovato addosso. Succede in queste strade strette. Ho avuto la fortuna di poter continuare cambiando l’ala anteriore ma ho faticato a scaldare le gomme. Per cui ho lavorato pensando al finale e aspettandomi qualche sorpresa che, in effetti, è arrivata”.

    Perez:“Due anni fa ero già riuscito a salire sul podio. Credo oggi di aver fatto i miei migliori due giri della carriera. E’ stato difficilissimo tenere dietro Vettel negli ultimi due giri”.

    Vettel:“Credo che la mia mossa non fosse troppo azzardata dato che avevo margine. Non avevo troppe alternative dato che Lewis era alla mia destra e quindi sono andato all’interno ma dopo che ho bloccato ho avuto un momento sfortunato con le gomme spiattellate e Perez mi ha passato. In generale devo dire che la macchina era fantastica ed abbiamo avuto un ottimo passo. Sono contento di averci provato a vincere ma non per come è andata. Non posso permettere, però, che questo condizioni il giudizio sulla gara che è stata ottima per tutto il team. E’ stata una gara intensa in cui abbiamo spinto molto sin dall’inizio e dove abbiamo controllato gli attacchi di Lewis. Mi dispiace che non siamo riusciti a vincere ma è stata almeno per voi una bella gara”.

    Leclerc:“Sono davvero molto emozionato. E’ stata una gara incredibile. Siamo stati molto veloci con le supersoft. Sapevo che non avrei potuto fare un risultato così in condizioni normali ma sono felice di aver colto questa occasione speciale. Ho fatto giri di qualifica dall’inizio alla fine e non ho sbagliato nella bagarre, nelle safety car e nelle ripartenze”.

    Verstappen:“Non avremmo dovuto fare questo incidente. Non importa come è successo. Non doveva succedere. Credo che il team lavori bene: altri non permettono di gareggiare mentre noi possiamo farlo. Ho già parlato con il team Ricciarde chiarito con Daniel”.

    Ricciardo:“E’ una situazione difficile. Questo incidente è un male per la squadra. Siamo liberi di battagliare e questo mi piace. Ma se ci tocchiamo una o due volte già prima dell’incidente forse c’è qualcosa da fare. Alla fine ho provato a fintare di passare all’esterno per poi entrare all’interno e mi sembra che lui mi abbia chiuso un po’. Poi sarà il pubblico a dire di chi è la colpa. Non lo voglio dire io. Io e Max dobbiamo solo chiedere a scusa al team”.

    GP Baku F1 2018: ordine d’arrivo

    GP Baku F1 2018: ordine arrivo
    GP Baku F1 2018: ordine d’arrivo
    1 – Lewis Hamilton – Mercedes 1:43:44.291
    2 – Kimi Räikkönen – Ferrari +2.460
    3 – Sergio Perez – Force India-Mercedes +4.024
    4 – Sebastian Vettel – Ferrari +5.329
    5 – Carlos Sainz – Renault +7.515
    6 – Charles Leclerc – Sauber-Ferrari +9.158
    7 – Fernando Alonso – McLaren-Renault +10.931
    8 – Lance Stroll – Williams-Mercedes +12.546
    9 – Stoffel Vandoorne – McLaren-Renault +14.152
    10 – Brendon Hartley – Toro Rosso-Honda +18.030
    11 – Marcus Ericsson – Sauber-Ferrari +18.512
    12 – Pierre Gasly – Toro Rosso-Honda +24.720
    13 – Kevin Magnussen – Haas-Ferrari +30.663
     Non classificati   
    14 – Valtteri Bottas – Mercedes
    15 – Romain Grosjean – Haas-Ferrari
    16 – Max Verstappen – Red Bull-Tag Heuer
    17 – Daniel Ricciardo – Red Bull-Tag Heuer
    18 – Nico Hulkenberg – Renault
    19 – Esteban Ocon – Force India-Mercedes
    20 – Sergey Sirotkin – Williams-Mercedes

    F1 2018: classifica piloti dopo GP Baku

    GP Baku F1 2018: classifica piloti
    F1 2018: classifica piloti dopo GP Baku
    1 Lewis Hamilton 70
    2 Sebastian Vettel 66
    3 Kimi Raikkonen 48
    4 Valtteri Bottas 40
    5 Daniel Ricciardo 37
    6 Fernando Alonso 28
    7 Nico Hulkenberg 22
    8 Max Verstappen 18
    9 Sergio Perez 15
    10 Carlos Sainz 13
    11 Pierre Gasly 12
    12 Kevin Magnussen 11
    13 Charles Leclerc 8
    14 Stoffel Vandoorne 8
    15 Lance Stroll 4
    16 Marcus Ericsson 2
    17 Esteban Ocon 1
    18 Brendon Hartley 1
    19 Romain Grosjean 0
    20 Sergey Sirotkin 0

    F1 2018: classifica costruttori dopo GP Baku

    GP Baku F1 2018 classifica costruttori
    F1 2018: classifica costruttori dopo GP Baku
    1 Ferrari 114
    2 Mercedes 110
    3 Red Bull 55
    4 McLaren 36
    5 Renault 35
    6 Force India 16
    7 Toro Rosso 13
    8 Haas 11
    9 Sauber 10
    10 Williams 4