GP Cina F1 2018: vincitore, ordine d’arrivo e classifica

Vittoria sorprendente di Ricciardo nel GP di Cina 2018 di Formula 1! Brutto incidente di Verstappen ai danni di Vettel condiziona il podio

da , il

    GP Cina F1 2018: vincitore, ordine d’arrivo e classifica

    Daniel Ricciardo vince il Gran Premio di Cina 2018 di Formula 1 in una gara con safety car a sorpresa che fa saltare i piani di Ferrari e Mercedes.

    Partenza con Vettel in pole position che difende la posizione su Raikkonen. Ne approfitta Bottas che sale in seconda posizione. Hamilton resta dietro, quinto, in scia anche della Red Bull di Verstappen.

    In occasione del primo pit stop la Mercedes di Bottas fa l’undercut sulla Ferrari di Vettel che perde qualche decimo di secondo decisivo nel cambio gomme e finisce dietro il finlandese senza riuscire a risorpassarlo. Il successo della freccia d’argento viene messo in discussione dalla safety car che entra in scena per un contatto in famiglia tra le due Toro Rosso.

    La Red Bull è più furba degli altri e va a montare le gomme passando dalle medie alle soft con entrambi i piloti. Alla ripartenza Ricciardo e Verstappen sono due furie. Superano Ferrari e Mercedes che si marcano restando in pista con gomme medie usate. L’australiano vince il GP di Cina di F1 2018 eseguendo sorpassi incredibili mentre Verstappen prova ad imitarlo ma sbaglia tutto: prima taglia la pista per evitare un contatto con Hamilton, poi centra Vettel facendolo scivolare ai margini della zona punti con una Ferrari danneggiata e beccandosi una penalità di 10 secondi che, però, gli consente comunque di chiudere davanti al tedesco.

    Sul podio di Shanghai salgono anche Bottas e Raikkonen.

    Guarda anche:

    GP Cina F1 2018: vincitore

    GP Cina F1 2018: vincitore

    Ricciardo:“Vinco sempre gare poco noiose. 24 ore fa credevo di dover partire ultimo e oggi, invece, ho vinto. Ringrazio il team per il lavoro svolto. Hanno avuto la pensata di fare un doppio pit stop con la safery car e questa è stata la mossa decisiva. A volte devi cercare di seguire l’istinto per fare dei sorpassi decisivi e sfruttando le gomme soft ho avuto la meglio cercando di cogliere ogni opportunità”.

    Bottas:“Andava tutto bene fino alla safety car. E’ una delusione perché avevamo dato tutto. Ho assaporato la vittoria ma è andata così. Alla fine le gomme hanno tenuto per cui avrei potuto tenere dietro Vettel se non ci fosse stata la safety car”.

    Raikkonen:“La prima fase della gara è stata dura a causa di un bloccaggio. Vettel in partenza è stato aggressivo ed ho dovuto alzare il piede per evitare un incidente, devo ammetterlo. Poi con la safety car ho avuto fortuna ma non ho potuto attaccare molto perché non avevo la gomma soft. Ero più veloce di Bottas ma non potevo passarlo. Mi prendo comunque come positivo questo podio per come si erano messe le cose”.

    Hamilton:“Non avevo il passo né oggi né ieri. Abbiamo faticato rispetto a venerdì. Ho faticato con la macchina e con le gomme. Devo migliorare anche con la partenza. Sto perdendo punti preziosi per cui dobbiamo analizzare tutto quanto con il team. E’ un weekend da dimenticare. Verstappen? Devo dire che posso solo ringraziarlo per quello che ha fatto”.

    Verstappen:“Avrei dovuto aspettare di più nel sorpasso su Vettel. Non volevo colpirlo. Ho chiesto scusa ma non possiamo cambiare le cose. Il mio inizio di stagione è stato un schifo. Tante cose sono andate storte. Devo rivedere tutto e fare meglio dalla prossimo gara. Nemmeno io sono contento di me stesso. Avremmo potuto fare una doppietta ma non è andata così ed ho deluso anche il team”.

    Vettel:“Purtroppo abbiamo fatto il pit stop troppo lento e ci siamo trovati dietro. Questo ha complicato le cose. L’incidente con Verstappen? Non ho molto da dire. Quello che è successo è sotto gli occhi di tutti. Sapevo che mi avrebbe passato per cui non ho neppure chiuso la porta più di tanto ma lui mi ha lo stesso buttato fuori”.

    GP Cina F1 2018: ordine d’arrivo

    GP Cina F1 2018: ordine d’arrivo
    GP Cina F1 2018: ordine d’arrivo
    1 – Daniel Ricciardo – Red Bull-Tag Heuer – 1:35:36.380
    2 – Valtteri Bottas – Mercedes – +8.894s
    3 – Kimi Räikkönen – Ferrari – +9.637s
    4 – Lewis Hamilton – Mercedes – +16.985s
    5 – Max Verstappen* – Red Bull-Tag Heuer – +20.436s
    6 – Nico Hulkenberg – Renault – +21.052s
    7 – Fernando Alonso – McLaren-Renault – +30.639s
    8 – Sebastian Vettel – Ferrari – +35.286s
    9 – Carlos Sainz – Renault – +35.763s
    10 – Kevin Magnussen – Haas-Ferrari – +39.594s
    11 – Esteban Ocon – Force India-Mercedes – +44.050s
    12 – Sergio Perez – Force India-Mercedes – +44.725s
    13 – Stoffel Vandoorne – McLaren-Renault – +49.373s
    14 – Lance Stroll – Williams-Mercedes – +55.490s
    15 – Sergey Sirotkin – Williams-Mercedes – +58.241s
    16 – Marcus Ericsson – Sauber-Ferrari – +62.604s
    17 – Romain Grosjean – Haas-Ferrari – +65.296s
    18 – Pierre Gasly – Toro Rosso-Honda – +66.330s
    19 – Charles Leclerc – Sauber-Ferrari – +82.575s
     
    20 – Brendon Hartley – Toro Rosso-Honda – Ritirato

    F1 2018: classifica piloti dopo GP Cina

    GP Cina F1 2018: classifica piloti
    F1 2018: classifica piloti dopo GP Cina
    1 Sebastian Vettel 54
    2 Lewis Hamilton 45
    3 Valtteri Bottas 40
    4 Daniel Ricciardo 37
    5 Kimi Raikkonen 30
    6 Nico Hulkenberg 22
    7 Fernando Alonso 20
    8 Max Verstappen 18
    9 Pierre Gasly 12
    10 Kevin Magnussen 11
    11 Stoffel Vandoorne 6
    12 Carlos Sainz 3
    13 Marcus Ericsson 2
    14 Esteban Ocon 1
    15 Sergio Perez 0
    16 Charles Leclerc 0
    17 Romain Grosjean 0
    18 Lance Stroll 0
    19 Sergey Sirotkin 0
    20 Brendon Hartley 0

    F1 2018: classifica costruttori dopo GP Cina

    GP Cina F1 2018: classifica costruttori
    F1 2018: classifica costruttori dopo GP Cina
    1 Mercedes 85
    2 Ferrari 84
    3 Red Bull 55
    4 McLaren 26
    5 Renault 25
    6 Toro Rosso 12
    7 Haas 11
    8 Sauber 2
    9 Force India 1
    10 Williams 0