Gp d’Australia F1 2009: pesi e pronostico

Pronostico per il Gran Premio d'Australia d F1 2009

da , il

    La Brawn GP ammazza gara e stagione. Ora possiamo dirlo con certezza: quanto visto nei test è tutto vero. La vettura di Jenson Button e Rubens Barrichello si candida a protagonista assoluta del Gran Premio d’Australia, gara d’esordio del campionato mondiale 2009 di Formula 1. Dietro, però, regna l’incertezza.

    JENSON BUTTON. “Passare dal non avere un futuro in F1 alla pole position nella prima gara e’ davvero incredibile. All’inizio delle prove libere il passo sembrava buono ma non conoscevamo il vero potenziale degli altri. Abbiamo fatto un ottimo lavoro in questo weekend e la vettura si e’ anche dimostrata affidabile. E’ un ottimo avvio di stagione”.

    RUBENS BARRICHELLO. “La vettura e’ fantastica ed in Q2, con poco carburante, è andata benissimo. In Q3 c’era invece del sottosterzo, abbiamo modificato qualcosa ma e’ stato un po’ difficile”.

    SEBASTIAN VETTEL. “Abbiamo avuto alcuni problemi in questi giorni e non è stato facile per noi ma in qualifica siamo riusciti a migliorare e ad essere vicini alla Brawn. E’ incredibile come mi senta a mio agio al volante della Red Bull RB5, ora siamo al terzo posto e certamente e’ un buon punto di partenza. Speriamo ovviamente di arrivare a punti domani”.

    NICO ROSBERG.“Siamo tra le vetture piu’ veloci ma sara’ interessante vedere il carico di benzina di ognuno. Il fattore chiave di domani saranno le gomme, ma penso che abbiamo una buona strategia e una buona affidabilita’, quindi abbiamo tutti gli strumenti per fare un buon lavoro in gara.”

    FERRARI. Felipe Massa è piuttosto possibilista sull’eventualità che il settimo posto i griglia porti a qualcosa di meglio in gara:“Le qualifiche non sono state un disastro ma neanche fantastiche. Partendo settimo sara’ difficile ma proveremo a fare del nostro meglio”. Meno utile il commento di Kimi Raikkonen:“Alla luce delle difficolta’ in mattinata e’ andata cosi’, vedremo in gara. Speriamo di avere una macchina competitiva”. A chiarire le difficoltà della Rossa, quindi, ci pensa Stefano Domenicali:“In Q3 siamo stati piu’ lenti rispetto alla Q2 e dobbiamo capire il perché. Avevamo previsto i distacchi ridotti ed e’ cio’ che e’ accaduto. Domani sarà la prima gara nel nuovo contesto e ci sarà da imparare qualcosa per tutti”.

    PESI VETTURE CON CARICO DI BENZINA.

    1. Jenson Button 664.5kg

    2. Rubens Barrichello 666.5kg

    3. Sebastien Vettel 657kg

    4. Robert Kubica 650kg

    5. Nico Rosberg 657kg

    6. Felipe Massa 654kg

    7. Kimi Raikkonen 655.5kg

    8. Mark Webber 662kg

    9. Nick Heidfeld 691.5kg

    10. Fernando Alonso 680.7kg

    11. Kazuki Nakajima 680.5kg

    12. Heikki Kovalainen 690.6kg

    13. Sebastien Buemi 675.5kg

    14. Nelson Piquet 694.1kg

    15. Giancarlo Fisichella 689kg

    16. Adrian Sutil 684.5kg

    17. Sebastien Bourdais 662.5kg

    18. Lewis Hamilton 655kg

    19. Jarno Trulli 660kg

    20. Timo Glock 670kg

    PRONOSTICO. Le parole dei due piloti della Brawn GP e gli esaltanti tempi staccati nelle qualifiche con un peso maggiore rispetto alla concorrenza non lasciano scampo a dubbi. Per la gara di domani dobbiamo prepararci ad un monologo come non si vedeva dai tempi della Ferrari di Schumacher o, addirittura, tanto per restare nella patria di Ross Brawn, dalle stagioni 1992-93 della Williams Renault. Ora, messo da parte il mio pronostico sbagliato sulla pole position del Gran Premio d’Australia nella Fanta F1 (ebbene sì, avevo puntato su Rubens Barrichello che però era più peso di Button) possiamo pensare alla corsa. Per tutti ci sono 3 pericoli dai quali guardarsi: affidabilità, gomme e safety car. Sul primo c’è poco da fare. Chi rischia di più paiono essere Red Bull e Ferrari. La Brawn da questo punto di vista resta un’incognita più di Williams, BMW o Toyota. Per quanto concerne le gomme, sarà divertente tentare di capirci qualcosa. La Ferrari è soddisfatta così come la Brawn mentre hanno da risolvere qualcosa quelli di Williams e BMW. Chiudiamo con la safety car. In passato ne abbiamo viste molte. Su di lei ripongono speranze gli emarginati Toyota (Trulli e Glock sono stati retrocessi a fondo schieramento per via della flessibilità di alcune parti della loro ala posteriore) e i cercatori d’oro che rispondono ai nomi di Heidfeld, Alonso ed Hamilton. L’ingresso della vettura di sicurezza è più che un’eventualità considerando le ben note caratteristiche del tracciato di Melbourne ed i rischi di contatto causa nuove ale anteriori.

    STRATEGIE. Appurate le incognite, dal dato sul carico di benzina emerge un quadro dalle tinte decisamente rosa per la Brawn GP che va in pole in modo netto e con più peso della concorrenza. Chissà se Barrichello riuscirà a sfruttare quel giro in più rispetto a Button per scavalcarlo al pit stop. Chissà se poi la sua radiolina riprenderà a gracchiare. Dietro, Vettel ha tutte le carte in regola per ambire al terzo gradino del podio mentre Kubica dovrà vedersi le spalle dalle Ferrari ma, soprattutto, dalla Williams di Rosberg. Le vetture del cavallino sono tra le più leggere con Massa e Raikkonen che, anziché guardare troppo avanti, dovranno temere il ritorno dei vari Webber, Heidfeld, Alonso. Se, però, i sorpassi da quest’anno saranno veramente più facili, avere una strategia aggressiva non sarà più penalizzante come una volta. Per maggiori info, chiedere ad Hamilton che parte in fondo ma leggero e promette, quantomeno, di dare spettacolo e divertirsi. Al sottoscritto, non resta che augurare a tutti una buona visione e dare appuntamento a domani alle ore 8 per la diretta web su Derapate! Sarà spettacolo sicuro, dal terzo posto in giù…