GP del Brasile, Hamilton: comodo o incasinato?

previsioni per il gran premio del brasile di formula 1 2008 dove hamilton partirà dalla quarta posizione e rischierà di perdere il titolo mondiale se le cose andranno per lui in modo sbagliato

da , il

    Ogni sfida finale che si rispetti, ogni scontro decisivo dal risultato inappellabile, è sempre pervaso da un’atmosfera surreale che impedisce di analizzare in modo razionale le situazioni che ci stanno scorrendo davanti. Questa sorta di stasi si rompe solo col risultato terminale. Nel caso del Gran Premio del Brasile, quindi, prima di azzardare opinioni, si ha la netta sensazione che convenga attendere domenica, dopo il 71° giro. E, intanto, si può solo dire che il quarto posto in griglia di Hamilton è l’antipasto ideale per una corsa che non lascerà addormentato nessuno.

    UNO STRANO QUARTO. Il quarto posto di Hamilton puzza di strano. Come ho detto nella premessa, diventa difficile aprire un processo in questo momento ma qualcosa che non torna sembra esserci. Perché così indietro? Perché un tale distacco? Possibile spiegare tutto ciò solo con un eventuale maggiore carico di benzina?

    HAMILTON TRANQUILLO. Vuoi vedere che alla McLaren hanno già cominciato a ragionare in zona tranquillità ed hanno volutamente puntato su una strategia iperconservativa che farà stazionare il loro pilota ai piedi del podio senza fargli rischiare nulla? A voler essere nei panni di un tifoso McLaren ci sarebbe da sperare questo e da scongiurare che il fenomeno made in britan non cada in qualche provocazione. Messa in questi termini, infatti, la posizione di partenza di Hamilton è più che rassicurante.

    HAMILTON INCASINATO. Quello che i ferraristi sperano è, invece, l’esatto opposto. Un Hamilton che parte quarto e che si ritrova davanti un tipo più lento ma tostissimo come Jarno Trulli ed un mastino feroce dietro come Fernando Alonso, potrebbe facilmente perdere la testa. Partiamo col dire che Trulli ha tutte le carte in regola per fare da tappo a quelli che stanno dal terzo posto in giù, permettendo a Massa di fare il vuoto grazie ad una Ferrari più leggera. Hamilton, perciò, non solo rischia di cadere nella tentazione di attaccare ma potrebbe persino trovarcisi obbligato: d’accordo che a coprirgli le spalle ci sarà Kovalainen, ma si è visto spesso e volentieri in questa stagione Alonso sbarazzarsi del finlandese con una certa facilità. Se riuscisse nella manovra anche al via del GP del Brasile, potrebbe da subito mettere pressione ad Hamilton incasinandogli la psiche e facendogli venire voglia di risolvere la questione a suo modo, vale a dire mettendo sul piatto il proprio talento, con tutti i rischi che ne conseguono.

    NEL LIMBO. La zona grigia nella quale vegeta attualmente Hamilton potrebbe quindi essere molto rischiosa. Non va dimenticato, infine, che per domani ci sono altissime probabilità di pioggia e la Ferrari ha palesato insolite velocità di punta più basse delle McLaren. Ciò sta a significare che le Rosse hanno un assetto più carico, esattamente quello che ci vuole per andare forte sul bagnato, vale a dire dove le prestazioni si livellano ed anche gente che guida Renault e Toro Rosso può mettersi in testa la pazza idea di piazzarsi tra quel quarto e quinto posto che al momento danno grandissime garanzie di titolo mondiale.

    Foto: gpupdate

    DIRETTA WEB GP DEL BRASILE. La redazione di derapate.it ricorda a tutti gli utenti del sito che per il Gran Premio finale della stagione sarà approntata una cronaca in diretta dell?evento in modo da consentire agli appassionati di commentare e condividere le impressioni sull?andamento della gara in tempo reale. La raccomandazione è solo una: non essere proprio tu quello che arriva in ritardo!