GP del Canada, Kubica entra nella storia:”Sogno realizzato”

interviste a caldo dopo il gran premio del canada di f1 ai piloti che sono saliti sul podio

da , il

    GP del Canada, Kubica entra nella storia:”Sogno realizzato”

    Robert Kubica mantiene le promesse ed in questo 2008 porta a casa una fantastica quanto storica prima vittoria per sé e per la BMW Sauber raggiungendo la vetta della classifica mondiale proprio nel Gran Premio in cui lo scorso anno Hamilton fece altrettanto mentre lui, invece, se la vide veramente brutta.

    Insomma, se c’era da segliere un luogo simbolico, non poteva essercene uno più giusto. Hamilton c’entra non solo perché lascia il testimone di campione in carica della corsa canadese ad un altro debuttante, quanto perché è stato il suo errore a decidere la gara. Kubica lo sa e comincia la sua analisi della corsa proprio con quell’episodio: Ci stavamo mettendo in fila per rientrare ed ho visto il semaforo rosso. Kimi si è messo accanto a me per aspettare il verde ma è stato tamponato. Questo ha deciso la mia gara. Poi si è trattato di recuperare il pit stop in più che dovevo fare rispetto ad Heidfeld e, anche se ho trovato un po’ di traffico quando sono rientrato in pista, ce l’ho fatta. E’ una sensazione eccezionale vincere. Voglio ringraziare il team per la fantastica macchina che mi hanno messo a disposizione. Dedico la vittoria al mio Paese, alla squadra, a chi mi è stato sempre vicino e a tutti i miei fans”.

    Nick Heidfeld: Vista la mia posizione di partenza, sono molto contento della seconda posizione. La nostra strategia ha dato buoni frutti nonostante sia stata dura guidare per 40 giri senza soste.Tutto è andato alla perfezione per la squadra. Mi voglio congratulare con Robert per la vittoria e per il grande risultato del team. Sono qui da quando ci chiamavamo solo Sauber ed ho visto fare grandissimi progressi. Stavolta siamo andati oltre alle migliori aspettative”.

    Sul podio, assieme alla coppia BMW, sale un incredulo quanto soddisfatto David Coulthard che tira fuori dal cilindro tutta l’esperienza di cui dispone per tenersi lontano dai guai e capitalizzare al meglio l’occasione capitatagli:“Abbiamo avuto un po’ di fortuna e il resto l’ha fatto la strategia. Ho cercato di preservare al meglio le gomme e i freni perché eravamo sempre sul filo del rasoio. La macchina era comunque molto buona e per questo ringraziare i miei tecnici”.