GP del Canada: la prima vittoria in F1 di Lewis Hamilton… non è degna di lui

La prima volta di Lewis Hamilton è stata nel Gran Premio del Canada 2007, ma non è stata una bella vittoria

da , il

    GP del Canada: la prima vittoria in F1 di Lewis Hamilton… non è degna di lui

    Ricordiamocela questa corsa perché passerà sicuramente alla storia.

    Chi l’ha vista, potrà dire “io c’ero”. La prima volta di Lewis Hamilton è stata nel Gran Premio del Canada 2007. Peccato, però, che il pilota della McLaren abbia brindato dal gradino più alto nel podio nella gara più strana e meno combattuta della stagione.

    C’era andato vicino altre volte. Prendiamo Monaco, ad esempio, perché è l’episodio più fresco nella nostra memoria. Avesse vinto lì, avrebbe potuto fare una bella gigantografia della corsa e appendersela in camera.

    A Montreal, invece, ha vinto contro nessuno. C’era Heidfeld, si vabbe’. Ma chi se lo fila?

    La cosa che dispiace, però, è la consapevolezza che questo Hamilton, quello di oggi s’intende, avrebbe battuto chiunque. Dispiace, quindi, aver visto la sua vittoria sminuita dai tanti imprevisti che sono caduti sulla testa degli avversari.

    Insomma. Hamilton non aveva bisogno di nessun regalo dalla fortuna. E’ un peccato che sia stato l’unico al quale le cose sono girate sempre bene persino al di là dei propri, tantissimi, meriti.

    Tanto avrebbe vinto lo stesso. Avrebbe vinto anche se non si fosse fermato proprio prima della safety. Avrebbe vinto anche se Alonso non fosse stato penalizzato. Avrebbe vinto anche se Raikkonen non si fosse dovuto fermare nel momento sbagliato e se Massa non avesse beccato la bandiera nera. Chi distrattamente leggerà il tabellino di questa gara, però, non si ricorderà di questo. Vedrà solo che Hamilton ha vinto la sua prima gara avendo come compagni di podio un certo Heidfeld e un certo Wurz. Vedrà Raikkonen quinto, Alonso settimo e penalizzato. Massa squalificato.

    Che peccato. Si meritava qualcosa di più questo campione. Diciamolo. Diciamolo adesso che lo sappiamo e proviamo a ricordarcelo.

    Per Lewis, ora che è sfatato anche l’ultimo tabù, tra 6 giorni ci sarà Indianapolis. Ripetersi diventa un obbligo. Sperando in un po’ più di fortuna per gli avversari, sarà l’occasione giusta per dare il colpo di grazia ad Alonso, Massa e Raikkonen. Come se fin’ora non li avesse già suonati bene bene…