GP di Francia: il circuito di Magny Cours

descrizione del circuito di magny cours dove si correrà il gp di francia di f1 2007

da , il

    GP di Francia: il circuito di Magny  Cours

    Il circuito di Nevers Magny Cours - situato nel mezzo alla campagna francese e lontano da “tutto” – ospita dal 1991 il GP di Francia.

    Nato in una zona economicamente depressa, nell’intento dei progettisti, l’impianto avrebbe dovuto dare nuova linfa alla regione. Purtroppo, invece, è stato l’ambiente a “deprimere” anche il tracciato di F1.

    Questo, salvo clamorosi ripensamenti, sarà l’ultimo anno in cui le Formula 1 sfreccieranno sul bollente asfalto di Magny Cours. In futuro si pensa ad una corsa cittadina tra le “rue” di Parigi oppure a Disneyland ma non c’è ancora nulla di concreto. Insomma, il nuovo trend è quello di portare la F1 in zone già piene zeppe di turisti anziché tentare di risollvare quelle messe male.

    Che la pista avrebbe avuto poco successo lo si poteva capire sin dalla sua progettazione, fatta letteralmente a tavolino, copiando parti di circuito da altre celebri piste. Per questo si parla, ad esempio, di curvone “Estoril” che immette nel principale rettilineo e di tornantino “Adelaide” con una brusca frenata (luogo preferito per sorpassi e attacchi, nonché incidenti…).

    Oltretutto, le curve sono state pensate in funzione delle inquadrature tv e non viceversa. A differenza delle piste “moderne”, però, anche lo spettacolo qui non è mai eccessivo.

    L’unico punto caldo è il suddetto tornantino Adelaide, a patto di prendere la scia di chi precede durante il dritto precedente. Cosa non facile con queste monoposto.

    Altra caratteristica della pista è legata all’asfalto. Innanzitutto molto liscio (consente di tenere le vetture molto basse) e, in secondo luogo, molto scuro (obbliga le coperture a dover sopportare – in caso di sole – temperature molto elevate).

    Il gas viene tenuto al massimo per il 50% del giro. Il carico aerodinamico è medio come è media la configurazione della pista.

    Nella media anche altri valori come l’usura dei freni.

    Queste caratteristiche “neutre” fanno sì che spesso fatichi ad emergere la bravura del pilota, il quale si limita semplicemente a dover sfruttare al massimo le capacità della vettura senza poterci mettere del “suo”. Il risultato è particolarmente evidente nella griglia di partenza dove, a grandi linee, le vetture si dispongono a coppie l’una accanto all’altra.

    Dati circuito di Nevers Magny-Cours

    Giri: 70

    Lunghezza pista: 4.41 km

    Lunghezza gara: 308.59 km

    Video “amarcord” di un giro di pista dall’on board camera di Damon Hill con la Williams, anno 1996.