GP di Monaco, la sentenza: McLaren assolta!

La FIA ha assolto Ron Dennis e la McLaren per i fatti del GP di Monaco 2007

da , il

    GP di Monaco, la sentenza: McLaren assolta!

    La FIA ha assolto Ron Dennis e la McLaren per i fatti del GP di Monaco 2007 .

    Un’assoluzione con formula piena perché il fatto non sussiste. Si potrebbe dire così. Ma leggendo le motivazioni resta qualche dubbio.

    Partiamo dalla sentenza. O meglio, dai fatti, così come vengono rilevati dalla Federazione:

    1. La strategia a due soste è la migliore per Monaco, in particolare se non entra la safety car.

    2. La safety car è entrata in pista 4 volte nelle ultime 5 edizioni del GP di Monaco.

    3. La scelta della strategia a 1 o 2 soste va fatta durante le qualifiche.

    4. Dalla misurazioni della FIA dopo le qualifiche, Hamilton aveva 5 giri in più di Alonso

    5. Questo avrebbe consentito ad Hamilon di fare la strategia ad una sosta se la safety car fosse uscita nel primo stint.

    6. La safety car non è uscita.

    7. La McLaren era più veloce a Monaco di ogni altra macchina.

    Valutati questi fatti, la FIA ha fatto il seguente ragionamento: per quanto concerne il congelamento delle posizioni, quella manovra è vista come una normale routine, adottata da tutti i team nel momento in cui la corsa è ormai decisa è c’è bisogno di arrivare al traguardo senza stressare troppo la macchina inutilmente.

    Venendo al più controverso pit-stop anticipato di Hamilton, la FIA ha spiegato che per la McLaren era rischioso tenere fuori il pilota inglese facendogli consumare tutti i giri che aveva nel serbatoio perché, se fosse uscita la safety car proprio in quel momento, il suo pilota rischiava di restare senza benzina.

    Prevenire è meglio che curare. Questo può essere comprensibile. Ma Hamilton era la stessa situazione nella quale girava Alonso 3/4 giri prima e nella quale si sono trovati tutti gli altri piloti. O no?