GP di Spagna: tocca alla McLaren

Alle gare disputate fino ad ora chiedevamo di vedere una Ferrari vincente e competitiva

da , il

    GP di Spagna: tocca alla McLaren

    Alle gare disputate fino ad ora chiedevamo di vedere una Ferrari vincente e competitiva. Assunto ormai che le Rosse sono tornate al top e che le Renault restano le vetture di riferimento, vogliamo spostare l’attenzione sulle McLaren. Non ci sono dubbi: la Spagna rappresenta l’ultima spiaggia per il team inglese.

    Nessuno più di Dennis & Co. ha da chiedere, anzi da ottenere, dal circuito di Barcellona. Vale lo stesso discorso che facemmo per la Ferrari prima di Imola: non serve convincere, devono vincere.

    Altrimenti addio definitivo alle già scarse possibilità di lottare per il mondiale.

    La Ferrari, invece, è in una posizione molto più comoda. Nonostante il distacco in classifica richieda con forza il prosieguo della striscia vincente, una battuta d’arresto, magari con un bel podio, potrebbe essere comunque accettabile. L’importante sarà confermare di essere ancora al livello della Renault.

    Renault che resta tuttosommato tranquilla. Dopo le due ultime due batoste, però, qualcosa è cambiato e sembra non esserci migliore occasione che la patria dello spagnolo per ottenere una vittoria che ristabilisca le gerarchie e la fiducia nel team.

    Tra gli outsider, infine, quelli della Honda restano come sempre la più grossa mina vagante. Prima o poi quanto fatto di buono nei test dovrà venire fuori. Prima o poi riusciranno a trovare la giusta configurazione per lottare alla pari coi migliori. La sensazione, comunque, è che non sia questa la volta buona. Stavolta, al massimo, potranno mettersi in mezzo tra il vincitore e qualcuno dei suoi più stretti avversari.

    Vedremo.