GP d’Ungheria: tutto alla prima sosta

Il Gran Premio di Ungheria si è deciso all aprima sosta quando la FErrari ha mezzo meno benzina della McLaren

da , il

    GP d’Ungheria: tutto alla prima sosta

    Le cose sono due. O alla Ferrari hanno davvero perso l’abitudina a fare le magie al box. Oppure nella vittoria del Gran Premio di Unhgeria proprio non ci credevano.

    Storicamente la Ferrari ha sempre tirato fuori dal cilindro strategia superlative. Anche quest’anno, senza il duo Schumacher-Brawn ma con il nuovo Domenicali-Raikkonen hanno comunque fatto vedere grandi cose.

    Perché, allora, alla prima sosta non hanno caricato di benzina un Raikkonen (che aveva lo stesso passo di Hamilton) pur di esserre sicuri di potersi sfruttare qualche giro in più nel secondo stint?

    Da questo weekend, vedi l’errore con Massa in qualifica, il team Ferrari non ne esce molto a testa alta. Ma per quanto riguarda il sopracitato episodio sembra che sia stato piucchealtro un problema di “non crederci” abbastanza. In partenza avrebbero firmato per un secondo posto, viste le premesse.

    E viste le premesse hanno pensato bene di mettere in piedi una strategia conservativa che ora lascia un po’ di amare in bocca.

    Ovvio che parlare col senno di poi è la cosa più facile del mondo. Oltretutto sarebbe stato interessante capire se con una decina di giri in più nel serbatoio Kimi sarebbe riuscito a restare in scia di Hamilton oppure no. Fatto sta che di questo dobbiamo parlare perché è stato questo l’unico episodio della pista che ci lascia aperto un piccolo spiraglio di discussione. Il resto è tutto in mano a regolamenti, giudici e commissari. E, giocoforza, smaltito questo episodio, torneremo da loro.