GP d’Ungheria: voci dal podio

da , il

    GP d’Ungheria: voci dal podio

    Sorriso da prima comunione a tratti. Euforia esorbitante di default!

    E’ questo Jenson Button subito dopo la sua prima vittoria in Formula 1.

    A completare il quadretto di soddisfazione, sul podio salgono altri due miracolati (per motivi diversi) come De La Rosa, al suo primo podio, e Nick Heidfeld che porta per la prima volta lo champagne nel box BMW…

    Jenson Button, vincitore:«La mia prima vittoria. Cosa dire? Finalmente! Non me lo sarei mai aspettato per oggi, è stata una giornata fantastica anche se pesantissima. Le condizioni meteo hanno reso la gara difficilissima. La nostra strategia è stata fantastica e finalmente siamo riusciti a vincere la nostra prima gara. Abbiamo faticato molto ma questo dimostra che la nostra macchina è diventata vincente. Ringrazio tutti dai tecnici ai meccanici agli uomini in fabbrica. La strategia abbiamo dovuto modificarla continuamente per riuscire a vincere e ci siamo riusciti. Una giornata grandiosa ed una vittoria che dedico a tutti i ragazzi del team!»

    Pedro De La Rosa, secondo:«Sono estremamente contento di aver ottenuto il mio primo podio in F1 oggi, ed e’ fantastico aver raccolto otto punti per il team che ha lavorato cosi’ duramente per riuscirci. E’ stata una gara molto interessante sul bagnato, quindi a testa bassa ho spinto per tutto il tempo cercando di restare fuori dai guai, sapevo che verso la fine avremmo avuto la velocita’ per arrivare sul podio. Le gomme Michelin hanno funzionato davvero bene oggi in tutte le condizioni, specialmente quelle da asciutto alla fine. Abbiamo un po’ perso nella sezione centrale perche’ avevamo molto carburante ma alla fine con le condizioni ormai mutate, ci siamo fermati prima per cambiare le gomme. E’ davvero una sensazione fantastica ed e’ solo grazie al team se siamo riusciti ad ottenere questo risultato oggi.»

    Nick Heidfeld, terzo:«Questa e’ una giornata fantastica. Non solo per me, per l’intero team. Soprattutto considerando che avevamo avuto una flessione dopo le ultime due gare. E’ inoltre molto positivo che Robert sia finito in zona punti. Questo risultato da a tutti noi una motivazione enorme. La mia gara e’ stata buona. Dovevo essere cauto con le gomme per evitare di surriscaldarle, ma penso che tutti i piloti abbiano avuto la stessa preoccupazione oggi. I meccanici hanno fatto un lavoro eccellente. Mi hanno messo davanti a Coulthard permettendomi di salire sul podio. Nonostante sia stata una gara fantastica ci sono stati momenti di tensione: il primo all’inizio della gara quando sono uscito sulla ghiaia e l’altro verso la fine quando ho superato Michael Schumacher. Mi ha colpito al posteriore e ha distrutto la sua sospensione, nonostante il mio sterzo fosse danneggiato sapevo di avere un vantaggio quindi sono stato cauto nel finale»

    Nick Fry, Direttore generale Honda: «Trovo a stento le parole per descrivere questo momento. È una giornata storica per la Honda e la piu’ bella per l’intero team, i suoi dipendenti e tifosi di tutto il mondo. Tutti hanno lavorato con cosi’ grande intensita’ e cosi’ a lungo per assaporare il gusto della vittoria. Jenson e’ rimasto concentrato e lo stesso ha fatto il team, quindi oggi sono immensamente orgoglioso di tutti i miei ragazzi, anche perché il Direttore generale di Honda Motor Company, Takeo Fukui, era qui in Ungheria e ha ricevuto la coppa per la nostra squadra. Ora che abbiamo raggiunto questo importante obiettivo storico, sappiamo di avere quanto serve per continuare su questa strada e ottenere ancora molti altri successi».