GP Italia F1 2010: Alonso vince e colora Monza di rosso, terzo posto per Massa

Fernando Alonso vince il gran premio d'Italia davanti alla McLaren di Jenson Button, terzo posto per Felipe Massa

da , il

    GP Italia F1 2010: Alonso vince e colora Monza di rosso, terzo posto per Massa

    Fernando Alonso vince il gran premio d’Italia davanti a Jenson Button e al compagno di squadra Felipe Massa. In un weekend iniziato molto bene per la Ferrari e i suoi piloti, lo spagnolo ha centrato pole position e vittoria, dopo un pit stop magistrale da parte dei suoi meccanici e una gara impeccabile che gli ha permesso di riacciuffare Jenson Button a meno di venti giri dalla fine. Perde la leadership della classifica Lewis Hamilton che al primo giro sbaglia e tocca la vettura di Massa tagliandosi così fuori dalla gara. Quarto e sesto posto per le Red Bull di Sebastian Vettel e Mark Webber. PARTENZA. Jenson Button scatta dalla prima fila e brucia il rivale Fernando Alonso, partito dalla pole position. Le due Ferrari sono subito dietro, rischiano il contatto nel fare scudo a Lewis Hamilton, autore di un’ottima partenza dalla terza fila. Il britannico della McLaren si tocca però con la rossa di Massa e ci rimette la sospensione anteriore destra: il leader della classifica è fuori e parcheggia nella ghiaia. Nella partenza anche Alonso ha toccato il posteriore di Jenson Button facendogli perdere un pezzo ma le vetture non riportano alcun danno importante. Partono male invece le due Red Bull, con Webber superato da Hamilton, Rosberg, Vettel e Hulkenberg. Button è primo ma Alonso è velocissimo. Kobayashi partito dai box si ferma ed è fuori.

    GIRO 6. Button è in testa seguito dalle due Ferrari di Alonso e Massa, Rosberg, Kubica, Hulkenberg, Vettel, Schumacher, Webber e Buemi. Webber supera Schumacher; il tedesco prova a riprendere l’australiano ma niente da fare, il pilota della Red Bull fugge via alla rincorsa del suo compagno di squadra. Fernando Alonso continua a tenere il fiato sul collo del campione del mondo in carica.

    GIRO 10. Button con sei decimi di vantaggio su Alonso, seguito da Massa, Rosberg, Kubica, Hulkenberg, Vettel, Webber, Schumacher e Buemi.

    GIRO 13. Bruno Senna è fuori, parcheggia a bordo pista.

    GIRO 17. Cominciano i primi pit stop. Alguersuari è il secondo a rientrare dopo Sutil, che si era fermato al primo giro.

    GIRO 20. Drive through per Alguersuari, quindicesimo, per aver tagliato una chicane. Il passo dei primi tre è decisamente più veloce di quello del resto del gruppo.

    GIRO 21. Problema freno motore per Sebastian Vettel che rallenta sulla linea del traguardo e viene facilmente superato dal compagno di squadra Webber.

    GIRO 23. Le due Ferrari non mollano la McLaren di Jenson Button.

    GIRO 25. I doppiati in pista non facilitano la vita a Button e Alonso ne approfitta per avvicinarsi ancora un po’. I due sono divisi da sei decimi. Le prime dieci posizioni rimangono invariate, tranne per lo “scambio” di posizioni tra le due Red Bull: Button, Alonso, Massa, Rosberg, Kubica, Hulkenberg, Webber, Vettel, Schumacher e Buemi. Ai box e in pista, team e piloti si studiano tra di loro così da preparare la migliore strategia per il cambio gomme ormai imminente.

    GIRO 33. Alonso è mezzo secondo più veloce di Button e si fa vedere negli specchietti del britannico della McLaren.

    GIRO 34. Pit stop per Robert Kubica e Sebastian Buemi.

    GIRO 35. “Ci avviciniamo al pit stop, spingi il più possibile”, comunicano dai box della McLaren al leader della gara Jenson Button.

    GIRO 36. Rosberg e Webber ai box.

    GIRO 37. Button ai box, rientra davanti a Hulkenberg in terza posizione. Pronti i meccanici della Ferrari. Hulkenberg e Schumacher ai box. Webber dietro a Kubica, lo passa. Hulkenberg taglia la chicane.

    GIRO 38 Alonso ai box. Massa giro record. Alonso esce ed è davanti a Button che cerca di prendere la scia. Yamamoto si butta fuori per lasciare spazio ai due contendenti. La Ferrari è al comando, Alonso non molla! Pubblico in delirio.

    GIRO 39. Massa ai box. Altro pit stop perfetto degli uomini in rosso. Rientra e deve accodarsi a Jenson Button, ma Alonso rimane davanti e vola via.

    GIRO 44. A meno di dieci giri dalla conclusione la classifica vede in testa lo spagnolo della Ferrari, seguito da Button, Massa, Vettel, Rosberg, Hulkenberg, Webber, Kubica, Schumacher, Petrov.

    GIRO 49. Massa continua ad avvicinarsi alla McLaren di Jenson Button. Sebastian Vettel nel frattempo non intende fermarsi ai box. Ritiro per Trulli.

    GIRO 50. Webber tenta il sorpasso sulla Williams di Hulkenberg e lo passa all’esterno. Sorpasso importante in prospettiva iridata, l’australiano in questo modo riguadagna la prima posizione in classifica generale.

    GIRO 52. Pit stop per Sebastian Vettel, rientra davanti a Rosberg, sesto.

    GIRO 53. Diciottesima vittoria per la Ferrari a Monza. Fernando Alonso vince il gran premio d’Italia!

    Gp Italia F1 2010: ordine di arrivo

    1. Alonso Ferrari 1h16:24.572

    2. Button McLaren-Mercedes + 2.938

    3. Massa Ferrari + 4.223

    4. Vettel Red Bull-Renault + 28.193

    5. Rosberg Mercedes + 29.942

    6. Webber Red Bull-Renault + 31.276

    7. Hulkenberg Williams-Cosworth + 32.812

    8. Kubica Renault + 34.028

    9. Schumacher Mercedes + 44.948

    10. Barrichello Williams-Cosworth + 1:04.200

    11. Buemi Toro Rosso-Ferrari + 1:05.00

    12. Liuzzi Force India-Mercedes + 1:06.100

    13. Petrov Renault + 1:18.900

    14. De la Rosa Sauber-Ferrari + 1 lap

    15. Alguersuari Toro Rosso-Ferrari + 1 lap

    16. Sutil Force India-Mercedes + 1 lap

    17. Glock Virgin-Cosworth + 2 laps

    18. Kovalainen Lotus-Cosworth + 2 laps

    19. Di Grassi Virgin-Cosworth + 2 laps

    20. Yamamoto HRT-Cosworth + 2 laps

    Ritirati:

    Trulli Lotus-Cosworth 47

    Senna HRT-Cosworth 12

    Hamilton McLaren-Mercedes 1

    Kobayashi Sauber-Ferrari 1

    Foto: AP/LaPresse