GP Malesia F1 2013, gara: Vettel vince, Webber furioso! Alonso out per incidente [FOTO]

F1 2013, Gp Malesia: vince Vettel ma manda in crisi il box Red Bull

da , il

    E’ Sebastian Vettel il primo a passare sotto alla bandiera a scacchi del GP di Malesia 2013 di Formula 1. Webber è secondo e sfila lontano dal muretto: è in polemica con il team! Sembra che Vettel non abbia rispettato qualche accordo pre-gara che lo obbligava a non attaccare chi era davanti tra i due. Sul podio sale anche Lewis Hamilton scortato fino all’ultimo metro da un Rosberg contrariato con la squadra per non aver dato l’assenso ad un duello in pista con il suo grande amico. A punti vanno anche Massa, Grosjean, Raikkonen, Hulkenberg, Perez e Vergne. Il messicano della McLaren sigla il giro veloce nel finale con gomme appena montate. All’appello manca clamorosamente Fernando Alonso che va fuori per incidente al secondo giro! La Ferrari ha rischiato troppo.

    podio gp malesia f1 2013

    GIRO 56/56 Finisce il GP con Vettel vincitore! Ecco l’ordine di arrivo finale

    1. Vettel Red Bull-Renault

    2. Webber Red Bull-Renault + 4.298

    3. Hamilton Mercedes + 12.1

    4. Rosberg Mercedes + 12.640

    5. Massa Ferrari + 25.6

    6. Grosjean Lotus-Renault + 35.5

    7. Raikkonen Lotus-Renault + 48.4

    8. Hulkenberg Sauber-Ferrari + 53.0

    9. Perez McLaren-Mercedes + 72.3

    10. Vergne Toro Rosso-Ferrari + 87.1

    11. Bottas Williams-Renault + 88.6

    12. Gutierrez Sauber-Ferrari + 1 lap

    13. Bianchi Marussia-Cosworth + 1 lap

    14. Pic Caterham-Renault + 1 lap

    15. van der Garde Caterham-Renault + 1 lap

    16. Chilton Marussia-Cosworth + 2 laps

    17. Button McLaren-Mercedes +

    18. Ricciardo Toro Rosso-Ferrari +

    19. Maldonado Williams-Renault +

    20. Sutil Force India-Mercedes +

    21. Di Resta Force India-Mercedes +

    22. Alonso Ferrari +

    Fastest lap: Perez, 1m39.199

    GIRO 55/56 Button si ritira. In precedenza avevano alzato bandiera bianca anche Maldonado e Ricciardo.

    GIRO 54/56 Rosberg si lamenta nel team radio! Vuole e può sorpassare Hamilton ma Ross Brawn gli dice di restare dietro. Ordine di scuderia o prudenza estrema? Sembra più probabile la prima opzione.

    GIRO 53/56 Massa sorpassa Grosjean e torna in quinta posizione. Clima teso anche in Mercedes con Hamilton e Rosberg costantemente ai ferri corti.

    GIRO 51/56 A cinque giri dalla fine, ecco la classifica. Vergne entra in zona punti.

    1 Sebastian Vettel

    2 Mark Webber + 3″400

    3 Lewis Hamilton + 12″000

    4 Nico Rosberg + 12″800

    5 Romain Grosjean + 31″500

    6 Felipe Massa + 33″700

    7 Kimi Raikkonen + 43″400

    8 Sergio Pérez + 52″200

    9 Nico Hulkenberg + 56″900

    10 Jean Eric Vergne + 90″500

    GIRO 49/56 Massa supera Perez e Raikkonen con facilità. Ha un passo ottimo con gomme nuove il distacco da Grosjean che lo precede è di 10” e lui gli recupera oltre 2” al giro. Vettel, intanto, mette 3” tra lui e Webber.

    GIRO 48/56 Massa cambia le gomme per l’ultimo volta. Il brasiliano scivola in ottava posizione ma ha davanti a sé Perez e Raikkonen alla portata.

    GIRO 44/56 Che spettacolo Vettel! Attacca Webber. Ruota contro ruota per alcune curve. Poi lo passa all’esterno con una manovra da tre volte campione del mondo! Prima era stato stretto verso il muro nel rettilineo principale. Il tedesco fa un gestaccio all’australiano. Saltano i nervi. Tensione anche al muretto della Red Bull.

    vettel webber malesia f1 2013

    GIRO 43/56 Pit stop di Webber. Rientro in pista thrilling con Vettel affiancato. I due si danno battaglia per qualche curva. Poi l’australiano riesce a stabilizzarsi davanti. Sorpasso e controsorpasso tra Hamilton e Rosberg che si giocano il terzo gradino del podio.

    GIRO 42/56 Pit stop simultaneo per Vettel e Rosberg. Gomme medie per entrambi.

    GIRO 41/56 Pit stop di Hamilton. Monta gomme medie ma usate. Sembra ormai fuori dai giochi per la vittoria che resta un discorso a due tra le Red Bull. Continuano le scintille tra Raikkonen e Hulkenberg. Alla fine il finlandese passa. In precedenza si era lamentato del comportamento scorretto del tedesco della Sauber.

    GIRO 40/56 Ecco la classifica aggiornata

    1 Mark Webber

    2 Sebastian Vettel + 4″400

    3 Lewis Hamilton + 7″300

    4 Nico Rosberg + 7″800

    5 Felipe Massa + 34″700

    6 Romain Grosjean + 40″900

    7 Sergio Pérez + 43″800

    8 Nico Hulkenberg + 46″300

    9 Kimi Raikkonen + 46″400

    10 Valtteri Bottas + 76″200

    GIRO 39/56 Vettel supera Hamilton con grande facilità. Ora l’inglese gira sull’1’43” mentre gli altri sono sull’1’41!

    GIRO 37/56 Webber ora riesce ad allungare su Hamilton, Mette un piccolo margine di sicurezza: 5”. Adesso è la Mercedes in difficoltà.

    GIRO 35/56 Button e Grosjean effettuano il loro pit stop. Problema per la McLaren!!! Errore nel montaggio della gomma anteriore destra. L’inglese riparte ma deve fermarsi dopo pochi metri. Viene spinto nuovamente nella piazzola e riparte ma è fuori dalla top ten. Intanto dietro, grande battaglia tra Hulkenberg e Raikkonen.

    GIRO 34/56 Webber supera Button. Ora tocca ad Hamilton sbarazzarsi della McLaren. Rosberg, intanto, continua ad insidiare Vettel.

    GIRO 33/56 Pit stop anche per Massa. Button non si è fermato e ora si trova provvisoriamente in testa ma Webber è nella sua scia con Hamilton a poco più di 1”.

    GIRO 32/56 Ora tocca a Vettel. I primi quattro sono con gomme hard. Webber conserva il primato mentre Hamilton salta davanti a Vettel il quale deve difendersi dall’attacco di Rosberg.

    GIRO 31/56 Anche Webber e Rosberg imitano Hamilton. Nessuno vuole rischiare di andare in crisi di gomme.

    GIRO 30/56 Parlavamo di gara giocata sulle tattiche. Hamilton prova a giocarsi le sue carte andando ad effettuare ora un pit stop.

    GIRO 28/56 Webber sotto pressione prova a spingere ma sa che, così facendo, rischia di mettere in crisi gli pneumatici. E’ una gara giocata di strategia e sulle gomme. Siamo adesso a metà gara. Button è quinto e distante 14” dalla vetta. Seguono Massa a 24”, Grosjean a 27”, Hulkenberg a 28”, Raikkonen e Perez a 31”.

    GIRO 27/56 Vettel non ha velocità di punta sufficiente per superare Webber nonostante il DRS. Hamilton e Rosberg sono veramente arrivati. Sono in 4 per la vittoria. Un replay mostra un lungo di Raikkonen.

    GIRO 25/56 Webber con le gomme medie non tiene il passo di Vettel con le dure. Il compagno di squadra gli è nei tubi di scarico! Anche Hamilton arriva e si accoda. Rosberg pure: il tedesco della Mercedes è a 4” dall’australiano che prova a tenere duro.

    GIRO 23/56 Ecco la classifica aggiornata. Rosberg e Hamilton sono adesso molto minacciosi perché rosicchiano continuamente qualcosa alle Red Bull.

    1 Mark Webber

    2 Sebastian Vettel + 2″400

    3 Lewis Hamilton + 5″300

    4 Nico Rosberg + 9″200

    5 Jenson Button + 16″200

    6 Felipe Massa + 21″700

    7 Romain Grosjean + 24″900

    8 Nico Hulkenberg + 17″300

    9 Kimi Raikkonen + 28″200

    10 Sergio Pérez + 27″800

    GIRO 22/56 Tocca a Vettel e Rosberg cambiare le gomme. Ora che tutti hanno fatto il secondo pit stop, solo Massa e lo stesso Vettel stanno girando con le mescole dure. Il brasiliano supera Hulkenberg. La Force India ha problemi nel cambio gomme anche con Di Resta. Ciò significa che i suoi due piloti spariscono dalla lotta per le posizioni che contano. E poi si ritirano. Incredibili pasticci!

    GIRO 21/56 Ancora pasticci al pit stop della Force India. Non riescono a montare una gomma. Anche Hamilton fa il cambio gomme. Stavolta non sbaglia piazzola! Cambio gomme anche per Button, Hulkenberg e Raikkonen.

    GIRO 20/56 Pit stop simultaneo per Massa e Grosjean. La Ferrari resta davanti e monta gomme dure mentre la Lotus conferma le medie.

    GIRO 19/56 Pit stop di Webber che passa dalle mescole hard alle medium. Grosjean, intanto, è in scia di Massa.

    GIRO 16/56 Kimi Raikkonen supera Perez. Una volta scrollatosi di dosso il messicano, comincia a spingere. Ora il limite scende attorno al 1’43” per tutti. In Ferrari avvisano Massa di prendersi cura delle gomme per evitare un pit stop in più. Il brasiliano arriva su Hulkenberg che è l’unico a non tenere il passo di quelli all’interno della top ten. E’ un secondo più lento.

    GIRO 15/56 Ecco i distacchi aggiornati:

    1 Mark Webber Red Bull

    2 Sebastian Vettel Red Bull + 2″400

    3 Lewis Hamilton Mercedes + 5″300

    4 Nico Rosberg Mercedes + 9″200

    5 Jenson Button McLaren + 16″200

    6 Nico Hulkenberg Sauber + 17″300

    7 Felipe Massa Ferrari + 21″700

    8 Romain Grosjean Lotus + 24″900

    9 Sergio Pérez McLaren + 27″800

    10 Kimi Raikkonen Lotus + 28″200

    GIRO 14/56 Dopo che la pioggia e i cambi gomme hanno disegnato la classifica sotto riportata, adesso i tempi sul giro si sono stabilizzati. Tutti hanno un passo simile ed a fasi alterne spicca uno o l’altro pilota. L’unica costanza è l’abbassamento dei tempi a causa del miglioramento della pista.

    GIRO 13/56 Maldonado ha distrutto mezza ala anteriore. Rientra al box per sostituirla.

    GIRO 12/56 Grosjean supera Perez e si mette in caccia di Massa. Webber, intanto, alza il piede. Le Mercedes, però, sono adesso le più veloci in pista. Il ritmo adesso è sull’1’44” e tutti i primi 10 piloti sono su questo passo.

    GIRO 10/56 Questa la nuova classifica:

    1 Mark Webber

    2 Sebastian Vettel a 3”

    3 Lewis Hamilton a 7”

    4 Nico Rosberg a 11”

    5 Jenson Button a 17”

    6 Nico Hulkenberg a 18”

    7 Felipe Massa a 23”

    8 Sergio Pérez a 27”

    9 Romain Grosjean 28”

    10 Kimi Raikkonen a 29”

    GIRO 09/56 I tempi sul giro si abbassano notevolmente e la progressione è continua. La Sauber si conferma ottima in queste condizioni ibride con Hhulkenberg. In testa della gara si trova ora Webber con Vettel dietro. L’australiano usa gomme dure a differenza di tutti gli altri big.

    GIRO 08/56 Altro pasticcio al box: Caterham rovina l’ala anteriore della Toro Rosso di Ricciardo

    GIRO 07/56 Folle Hamilton!!! Sbaglia box per effettuare il cambio gomme. Si infila in quello della sua ex McLaren! Grasse risate per tutti gli spettatori. Che fenomeno Lewis…

    GIRO 07/56 Tutti ai box a mettere le gomme slick! La classifica potrebbe uscire rivoluzionata. A breve saremo in grado di rifare il punto della situazione.

    GIRO 06/56 Scelta audace quella di Vettel che era primo e rientra nel traffico. Nella prima parte del circuito fa fatica perché è ancora umida. In testa, intanto, Webber allunga su Hamilton e Rosberg. Dal box dicono all’australiano di continuare con le intermedie.

    GIRO 05/56 Raikkonen perde posizioni e viene superato anche da Grosjean. Vettel e Massa effettuano il pit stop! La pista si è asciugata e si comincia a passare alle slick. Gomme medie per tutti.

    GIRO 04/56 Ecco la classifica. A breve i distacchi. Alonso, intanto, rientra furioso al box.

    1 Sebastian Vettel

    2 Mark Webber

    3 Lewis Hamilton

    4 Nico Rosberg

    5 Jenson Button

    6 Felipe Massa

    7 Sergio Pérez

    8 Adrian Sutil

    9 Nico Hulkenberg

    10 Daniel Ricciardo

    11 Kimi Raikkonen

    12 Romain Grosjean

    13 Paul di Resta

    14 Pastor Maldonado

    15 Esteban Gutiérrez

    16 Jean-Eric Vergne

    17 Charles Pic

    18 Giedo Van der Garde

    19 Jules Bianchi

    20 Valtteri Bottas

    21 Max Chilton

    GIRO 02/56 L’ala anteriore di Alonso si spezza al termine del primo giro e il pilota della Ferrari va fuori pista. Si ritira subito! Ha tentato una manovra folle ma geniale: voleva reggere un giro ancora con le intermedie per poi passare alle slick e cambiare l’alettone senza perdere tempo. Gli è andata male. Malissimo anzi! La classifica è la seguente: Vettel, Webber, Hamilton, Rosberg, Button e Massa. La Ferrari del brasiliano ha perso posizioni. In queste condiizioni si gira 2” più lento da quelli che gli stanno davanti.

    GIRO 01/56 Partiti! Vettel conserva il primato, Alonso è secondo ma tocca il tedesco e rovina l’ala anteriore. Stoico prosegue e tiene dietro Webber, Hamilton e Massa!

    ORE 09.00 Inizia il giro di formazione! Non sono previsti acquazzoni per tutta la durate della gara ma potrebbe ancora arrivare qualche piccolo scroscio. Adesso non piove più. Possiamo confermare che tutti i piloti partono con gomme intermedie.

    ORE 08.55 5 minuti alla partenza. Solo i tecnici sono ormai rimasti attorno alle macchine.

    ORE 08.52 La pioggia è praticamente cessata e l’asfalto si sta già asciugando. La situazione cambia minuto dopo minuto!

    ORE 08.51 Un indicazione interessante è questa: quando con le intermedie si gira sotto al minuto e 52, allora è arrivato il momento di passare alle slick.

    ORE 08.50 Felipe Massa non si tira indietro : “Punto a vincere”. La Pirelli, intanto, conferma che tutti partiranno con gomme intermedie.

    ORE 08.40 La curva 3 è molto bagnata ma solo lì servirebbero gomme full wet! Per il resto basterebbero le intermedie. Che fare? Intanto altri piloti, tra i quali Mark Webber, arrivano larghi ed escono di pista. Come Ricciardo, pure Bottas rovina l’ala anteriore. Questa è la parte rimasta sana ma si ved ancora l’erba!

    alettone williams malesia f1 2013

    ORE 08.35 I piloti si portano in griglia di partenza. Nel giro di formazione usano gomme intermedie ma non sembra che siano sufficienti per smaltire la quantità d’acqua che cade su una parte del circuito. Ne è un esempio quanto accaduto a Ricciardo che va in testacoda e rovina parte dell’ala anteriore della sua Toro Rosso. Anche altri hanno difficoltà a tenere la vettura ben salda all’asfalto. La scelta più logica, quindi, sembra quella di partire con gomme full wet sebbene alcuni tratti di pista siano quasi asciutti.

    ORE 08.30 Si accende il semaforo verde in fondo alla pit lane. Iniziano le procedure per la formazione della griglia di partenza.

    ORE 08.20 Eccola. La pioggia, s’intende. Si preannuncia una partenza bagnata. Forse anche sotto regime di safety car. Vedremo come evolverà la situazione nei prossimi 40 minuti che ci separano dal via.

    ORE 08.15 Nelle interviste del pre-gara, in questo momento, non si parla d’altro che della pioggia che sta per arrivare…

    ORE 08.10 I piloti hanno lo sguardo in alto. Nuvoloni in arrivo. Tuoni e fulmini all’orizzonte. La situazione si va rinfrescando, Il cielo di Sepang adesso è così:

    previsioni meteo malesia sepang f1 2013

    ORE 08.05 Subito un flash sul meteo. Non piove in questo momento a Sepang. Lì sono le ore 15 e si registrano 29°C nell’aria e ben 42°C sull’asfalto. Da dopo le 16, vale a dire quando inizierà la gara, aumenteranno enormemente le possibilità di pioggia. Si parla di un 70% di possibilità che cada acqua sul tracciato entro la fine del Gran Premio.

    meteo malesia f1 2013 domenica

    ORE 08.00 Durante la parata dei piloti, applausi più grandi per Alonso, Raikkonen, Vettel e Hamilton. Il pubblico sulle tribune ha già scelto i suoi beniamini.

    driver parade malesia f1

    ORE 07.50 In mattinata, festa in casa Ferrari per i 200 GP in Formula 1 di Alonso.

    alonso 200 gp festa in malesia 2013

    ORE 07.30 Al termine delle qualifiche di ieri, Vettel ha ottenuto la pole position. Dietro di lui ci sono Felipe Massa e Fernando Alonso con il brasiliano che prova a rompere le gerarchie di casa Ferrari.

    Ecco la griglia di partenza dei primi dieci dopo la penalizzazione di Kimi Raikkonen:

    1. VETTEL

    2. MASSA

    3. ALONSO

    4. HAMILTON

    5. WEBBER

    6. ROSBERG

    7. BUTTON

    8. SUTIL

    9. PEREZ

    10. RAIKKONEN

    Benvenuti alla diretta LIVE del Gran Premio di Malesia di Formula 1 2013. Ricaricando minuto dopo minuto questa pagina è possibile restare sempre informato su ciò che accade sul circuito di Sepang già prima dell’inizio della gara e fino alla bandiera a scacchi. Al termine delle ostilità, sempre su Derapate, inoltre, seguiranno aggiornamenti in tempo reale, commenti e interpretazioni di quanto accaduto in pista. Di spunti di interesse ce ne sono a bizzeffe. Tra i fattori determinanti, abbiamo due osservati speciali: le previsioni meteo e la tenuta degli pneumatici sulla distanza. In entrambi i casi si tratta di incognite da decifrare nel migliore dei modi per aspirare ad un buon risultato finale.

    Buon proseguimento di lettura e buon GP a tutti!

    Foto: AP/LaPresse – twitter.com