GP Malesia F1 2013, Vettel: “Molto contento della Red Bull, meno delle gomme”

Vettel firma la pole, Webber avvisa sull'esito della gara

da , il

    GP Malesia F1 2013, Vettel: “Molto contento della Red Bull, meno delle gomme”

    Una rondine non fa primavera, come due pole una vittoria. Sebastian Vettel e la Red Bull agguantano l’ennesima partenza al palo, ma le preoccupazioni sulla gestione critica delle gomme Pirelli non fa sorridere troppo in vista del Gran Premio della Malesia.

    Augurarsi una gara bagnata sembra sia un’ottima speranza da nutrire, per non pensar troppo a cosa potrebbero essere 56 giri asciutti. «[La situazione delle gomme è tutta in divenire, non solo per questo evento ma anche per i prossimi gran premi», dichiara Webber. «Sappiamo che la qualifica è una parte importante del week end, ma non la più importante dei tre giorni», spiega.

    Appena ieri Chris Horner ammoniva: d'accordo saper gestire le gomme, ma se diventa un portare a spasso la macchina non sono più corse. Webber, oggi, ripete il concetto: «Sono gare sulla conservazione delle gomme al momento. E' lo stesso per tutti, dobbiamo elaborare quanto possiamo andar forte, fare la giusta strategia e mettere tutto insieme».

    Dal paddock rimbalza anche la voce che Mercedes e Red Bull vorrebbero già dal prossimo Gran Premio di Cina delle gomme in specifica 2012, dopo le difficoltà avute nel freddo di Melbourne. Utopia pensare che qualcosa di simile avvenga, tanto più per un gommista che si è mosso su linee guida dettate dalla Federazione. Una possibile spiegazione del perché ci siano un'usura e degrado così marcati con le mescole 2013 lo riporta Auto Motor und Sport, facendo proprie osservazioni di Adrian Newey: «Newey ha messo in diretta correlazione livelli di carico aerodinamico e usura». Tradotto, più carico genera la monoposto, maggiore sarebbe il consumo per scostamento dalla finestra termica ideale.

    Le polemiche montano e si aggiunge quella secondo la quale la Lotus avrebbe ottenuto un vantaggio ingiusto dal fornire la monoposto con la quale la Pirelli ha sviluppato le nuove gomme. Si tratta della 2010, la Renault R30. Chi non s'è lasciato scappare l'occasione per gettare benzina sul fuoco è Helmuto Marko, certo addirittura che «le Pirelli sono progettate per questo tipo di macchina».

    Tornando alla gara, Webber commenta: «Stiamo raccogliendo più informazioni possibili per domani, siamo contenti ma non sappiamo se sarà sufficiente. Potremmo essere molto forti, ma non ne siamo certi».

    Vettel, invece, incassa la pole e specifica alcuni concetti importanti, su tutti quello della bontà della RB9. «Ho trovato il giusto compromesso tra spingere forte e salvare le gomme, abbiamo avuto un’ottima sessione in Q3. Domani la corsa sarà dura, ci sono molti giri, la macchina è molto forte ma le gomme non lo sono. Oggi siamo riusciti a risparmiare più set e può essere un aiuto per domani. Sono molto soddisfatto della macchina, sappiamo che le gomme sono un grande punto interrogativo, dovremo provare a gestirle e vedremo cosa riusciremo a fare».

    FOTOGALLERY QUALIFICHE GRAN PREMIO DI MALESIA 2013 - SEPANG