GP Monaco F1 2012: Grosjean, che pasticci: 3 incidenti in 6 partenze!

Formula 1: Grosjean ancora protagonista di un incidente al via

da , il

    GP Monaco F1 2012: Grosjean, che pasticci: 3 incidenti in 6 partenze!

    Sono tre partenze sulle sei in totale quest’anno che vedono Romain Grosjean combinare qualche pasticcio. Pasticcio che, di fatto, gli toglie la possibilità di disputare una gara da protagonista. Il pilota della Lotus era arrivato al Gran Premio di Monaco di F1 2012 con grandi aspettative. Addirittura, al termine delle qualifiche, raccontava di aver perso la pole position per un soffio. Gli sono bastati pochi metri dopo la partenza, invece, per rovinare la sua gara e creare scompiglio nel gruppo. Per l’incidente al via qualcuno ha scomodato un presunto comportamento anomalo di Fernando Alonso. In realtà, guardando bene l’accaduto, le responsabilità sembrano tutte del francese che stringe Schumacher contro il guard-rail e poi si intraversa.

    Romain Grosjean: “Incidente sfortunato”

    Non fa drammi neanche stavolta Romain Grosjean. Fintanto che la Lotus non gli presenterà il conto, va bene così. “Ho avuto difficoltà a seguire la traiettoria ideale – ha spiegato – ho avuto l’impressione che Hamilton non avesse avuto un buono spunto e volevo approfittarne ma poi è arrivato l’incidente”. Il francese non si scusa e non accusa i rivali. Neppure Fernando Alonso:“Si è affiancato ad Hamilton per attaccarlo ed io a quel punto ero sulla parte esterna dove, purtroppo, c’era anche Michael Schumacher. Non c’era spazio sufficiente per quattro vetture e c’è stato il contatto, mi sono girato in mezzo al traffico che sopraggiungeva e non è stata una bella sensazione”. Grosjean potrà rifarsi in Canada:“Tra due settimane ci riproverò”. Peccato per lui che non riesca a capitalizzare l’enorme potenziale che lascia intravedere, quello sì, con estrema regolarità.

    Michael Schumacher: “Credevo nel podio”

    Il podio era alla sua portata. Se si pensa che ci è finito quel Fernando Alonso che scattava dalla piazzola numero cinque, perché non credere che Michael Schumacher, sesto al via, non potesse avere voce in capitolo? Dopo il botto dal quale la sua Mercedes rimane miracolosamente illesa, il sette volte iridato deve ritirarsi per un problema di pressione del carburante. Ormai, però, la sua gara era già scivolata nell’anonimato. “Il problema non ha nulla a che vedere con l’incidente al via - ha spiegato il Kaiser – è un peccato terminare la corsa in quel modo. Sono deluso perché credevo segretamente di salire sul podio”. Dall’inizio della stagione ad oggi, Schumacher ha messo da parte solo due punti in classifica. In ben due partenze si è visto penalizzare dall’irruenza di Grosjean. In altri casi, come nel GP di Spagna in cui ha tamponato Senna, ci ha messo del suo. In ogni caso, il potenziale c’è:“Devo ispirarmi a quanto visto in questa gara per ripetermi in Canada ma senza errori o intoppi. E’ una pista che dovrebbe adattarsi bene a noi”, ha concluso il 43enne di Kerpen.