GP Monaco F1 2012, prove libere 1: Alonso davanti a Grosjean

da , il

    GP Monaco F1 2012, prove libere 1: Alonso davanti a Grosjean

    Il primo turno di prove libere del Gran Premio di Monaco si è concentrato tutto in 45 minuti. Poca l’attività in pista, infatti, per gran parte della sessione. Tra i più impegnati va segnalato Romain Grosjean, mentre Raikkonen non ha potuto girare per delle modifiche allo sterzo che hanno richiesto l’intera ora e mezza di prove. Il miglior tempo va a Fernando Alonso, autore di 1’16″265 sul finire della sessione, prima che una bandiera rossa mettesse fine anzitempo al turno di libere.

    Cronaca prove libere 1 GP Monaco

    A dispetto delle previsioni per le qualifiche e la gara, che mettono in conto la possibilità che venga a piovere, le prove libere di stamane si sono aperte all’insegna del bel tempo e con una temperatura di 22° C nell’aria (28° C l’asfalto; ndr). Avvio di sessione dedicato agli installation laps, con Perez che ne ha inanellati tre in sequenza, ottenendo il primo tempo cronometrato del weekend (1’39″497). Proprio il messicano ha smentito le voci che lo vorrebbero in Ferrari al posto di Felipe Massa già nel corso di questa stagione.

    Venticinque minuti di calma piatta, senza alcun pilota in pista. Poi è toccato alle due Toro Rosso animare questo giovedì monegasco con tempi sul piede del 1’21″, abbassati fino a 1’19″. Tra le note interessanti della prima mezz’ora di prove libere, le difficoltà lamentate da Jenson Button nel suo installation lap sulla scarsa visibilità dall’interno del cockpit.

    A un’ora dal termine della sessione, solo quattro piloti con tempi cronometrati, mentre Romain Grosjean è stato il primo a scendere in pista tra i top team, subito seguito da Schumacher. Proprio il francese della Lotus ha iniziato ad abbassare considerevolmente i tempi, con più giri in serie. A 50 minuti dal termine, il miglior tempo realizzato era 1’17″6. Lo scorso anno al termine del primo turno di prove libere il riferimento fu 1’16″6. Tra i dettagli aerodinamici da segnalare, in McLaren si è intravista un’ala anteriore con delle paratie laterali molto elaborate con tanto di sensori per raccogliere dati sul funzionamento.

    Grosjean macinava chilometri in pista e Raikkonen fermo ai box con i meccanici impegnati a lavorare sulla zona dello sterzo. La prima bandiera gialla della giornata è stata conquistata da Karthikeyan, andato lungo nella discesa che porta al Loews.

    In casa Ferrari, dopo 45 minuti dal via è iniziato il lavoro di Alonso e Massa. Il brasiliano ha lamentato del sottosterzo nella chicane delle piscine, comprensibile viste le condizioni dell’asfalto. Poco dopo, provando a sfruttare al meglio la pista, ha toccato le barriere con l’anteriore e posteriore destra in entrata del Tabaccaio. Anche Grosjean, Schumacher e Vergne sono stati protagonisti di numerosi controlli al limite, con un marcato sovrasterzo in uscita. Tutti i piloti hanno utilizzato solo la mescola morbida nel primo turno.

    A poco più di mezz’ora dal termine delle prove libere, la classifica recitava Grosjean (1’17″188) davanti a Schumacher (+0″2), Alonso (+0″4), Rosberg (+0″5) e Massa (+0″6) nelle prime posizioni. Miglior tempo che è stato ritoccato da Alonso, con 1’17″126. Tra gli ultimi a scendere in pista, Lewis Hamilton si è agevolmente inserito nelle prime posizioni, quarto a 175 millesimi da Alonso e appena dietro Perez. L’inglese della McLaren ha proseguito abbassando il miglior tempo e avvicinando quello fatto segnare da Vettel nel 2011. Per Hamilton 1’16″747, mentre dal box Ferrari Alonso ha comunicato via radio i punti critici in cui migliorare la F2012: le chicane – dopo il tunnel e alle piscine – insieme alla richiesta di maggior ala all’anteriore per affrontare al meglio la curva del Casinò.

    A venti minuti dalla bandiera a scacchi, ancora fermo ai box Raikkonen. Il finlandese ha fatto sostituire diversi componenti dello sterzo dopo l’installation lap, per tornare a una configurazione precedente. L’intera operazione ha richiesto la rimozione delle sospensioni per adeguare il tutto ai diversi angoli adottati a Montecarlo. Qualche problema anche in Mercedes, con l’alettone anteriore della monoposto di Schumacher che toccava l’asfalto in più punti del circuito. Nella lotta dei tempi, che al giovedì lascia il tempo che trova, Grosjean ha migliorato nuovamente strappando il primato a Hamilton con 1’16″630. Terzo tempo per Maldonado (+0″130), seguito da Alonso (+0″4), Massa, Perez, Vettel, Rosberg, Schumacher, Kobayashi (+0″8).

    Dopo le indicazioni fornite agli ingegneri, Alonso ha agguantato la prima piazza con 1’16″265, mentre a 10 minuti dal termine Kovalainen si è fermato in pista all’uscita del tunnel con la Caterham immersa nel fumo del motore evidentemente andato arrosto. Bandiera rossa e prove concluse anzitempo per tutti.

    Classifica tempi prove libere 1 – Gp Monaco

    1. Fernando Alonso -Ferrari -1’16″265

    2. Romain Grosjean – Lotus -1’16″630 +00″365

    3. Sergio Pérez – Sauber -1’16″711 +00″446

    4. Lewis Hamilton – McLaren -1’16″747 +00″482

    5. Pastor Maldonado -Williams -1’16″760 +00″495

    6. Felipe Massa -Ferrari -1’16″843 +00″578

    7. Kamui Kobayashi -Sauber -1’17″038 +00″773

    8. Jenson Button -McLaren -1’17″190 +00″925

    9. Sebastian Vettel -Red Bull -1’17″222 +00″957

    10. Nico Rosberg -Mercedes -1’17″261 +00″996

    11. Michael Schumacher – Mercedes -1’17″413 +01″148

    12. Nico Hulkenberg -Force India- 1’17″631 +01″366

    13. Mark Webber -Red Bull -1’18″106 +01″841

    14. Jean-Eric Vergne -Toro Rosso- 1’18″209 +01″944

    15. Daniel Ricciardo -Toro Rosso- 1’18″252 +01″987

    16. Paul di Resta -Force India- 1’18″302 +02″037

    17. Bruno Senna -Williams -1’18″617 +02″352

    18. Heikki Kovalainen -Caterham -1’19″039 +02″774

    19. Vitaly Petrov -Caterham -1’19″341 +03″076

    20. Narain Karthikeyan – HRT -1’20″838 +04″573

    21. Charles Pic – Marussia -1’20″895 +04″630

    22. Timo Glock -Marussia -1’21″638 +05″373

    23. Pedro de la Rosa – HRT -1’22″423 +06″158

    24. Kimi Raikkonen – Lotus -s.t.