GP Montecarlo F1 2014, Ferrari: “Noi sfortunati ma Mercedes e Red Bull più forti”

Formula 1: commenti del team Ferrari al Gran Premio di Monaco 2014

da , il

    GP Montecarlo F1 2014, Ferrari: “Noi sfortunati ma Mercedes e Red Bull più forti”

    La Ferrari non si nasconde dietro ad un dito. Il podio nel Gran Premio di Monaco 2014 di Formula 1 è sfumato per colpa della sfortuna visto che Kimi Raikkonen aveva tutte le carte in regola per portare la F14 T numero 7 alle spalle di Rosberg e Hamilton fino alla bandiera a scacchi del circuito di Montecarlo se non avesse trovato sulla sua strada una rocambolesca foratura. Tuttavia quel risultato sarebbe stato frutto solo di un ottimo scatto al via piuttosto che di meriti oggettivi. Pat Fry è chiaro:A Monaco la sorte non è stata dalla nostra, soprattutto nel caso di Kimi. Mercedes e Red Bull hanno confermato un potenziale maggiore del nostro, ma grazie ad una bellissima partenza credo che Kimi – terzo alla prima curva – avrebbe potuto concludere sul podio”.

    Guarda anche:

    “Fernando ha avuto un buono scatto al via ma pochi istanti dopo e per tutto il primo settore la sua vettura ha registrato un calo di potenza temporaneo - ha aggiunto il responsabile dell’ingegneria – Fortunatamente è riuscito a non perdere troppe posizioni e a gestire una gara praticamente in solitaria. Da domani a Maranello riprenderemo a lavorare sui nostri punti deboli: siamo certi di poter migliorare ed ora dobbiamo dimostrarlo con i fatti”.

    Mattiacci: “Solo duro lavoro”

    “Monaco è storicamente un Gran Premio imprevedibile ed eravamo ben consapevoli dell’esistenza di mille variabili - ha dichiarato Marco Mattiacci su ferrari.com al termine del GP di MonacoRiuscire a mantenere il terzo posto sarebbe stata un’iniezione di ottimismo per tutta la squadra, ma eventi al di fuori del nostro controllo non lo hanno reso possibile. Stiamo lavorando tutti senza sosta e sono certo che grazie alla grande professionalità delle persone che mi circondano sapremo migliorare giorno dopo giorno, per tornare ad essere competitivi nel breve periodo ma soprattutto per arrivare a raggiungere i traguardi ambiziosi per i quali deve lottare la Ferrari”.

    Alonso: “4° posto buon risultato”

    Un Fernando Alonso poco combattivo, poco in battaglia sarebbe meglio dire, accetta con serenità il quarto posto finale con il quale lascia il circuito di Montecarlo:“Finire ai piedi del podio è stato un buon risultato, soprattutto dopo le difficoltà in partenza e i numerosi incidenti occorsi durante la gara. Al via qualcosa non ha funzionato nel motore, ma anche se avessi avuto potenza non c’era comunque spazio sufficiente per superare. Le tre macchine davanti hanno meritato questo finale, erano davvero irraggiungibili. Io sono soddisfatto del quarto posto, perché siamo riusciti a gestire una corsa in cui la concentrazione doveva rimanere altissima e non sono mancati momenti di tensione”. Secondo lo spagnolo, ci sono dei segnali incoraggianti:“Avevamo un buon passo e questo vuol dire che a poco a poco stiamo migliorando. Certamente il distacco dai leader è sempre importante perché – come noi – anche loro vanno avanti con lo sviluppo, quindi dobbiamo cercare di fare sempre meglio, a partire dalla prossima gara in Canada”, ha concluso.